Categorie
attualità

Lady D torna a casa: a Kensington Palace una mostra dedicata a lei

La bella Kate Middleton è ormai da tempo sotto i riflettori della stampa inglese (e non) ma soprattutto di tutte le Fashioniste che si sono innamorate dell’eleganza e dello stile semplice ma allo stesso tempo chic e bon ton della neo Duchessa di Cambridge. Uno dei punti di forza del suo stile è sicuramente quello di scegliere spesso abiti di grandi catene di abbigliamento low cost ma comunque elegantissimi, e, soprattutto, accessibili ai più.

C’è da ricordare però che Kate non è la prima “principessa del popolo” e soprattutto che non è la prima principessa “Fashion addicted”. Prima di lei c’è stato infatti il “fenomeno Diana”, madre del futuro re d’Inghilterra sfortunatamente scomparsa nel 1997 in un tragico incidente.

Inutile ricordare quanto fosse stretto il legame che Lady Diana aveva instaurato con il popolo inglese, che ancora oggi celebra quella figura carismatica eppure così dolce.

E ora, l’ex dimora di Lady D, Kensington Palace, ospiterà una mostra di cinque dei suoi abiti più belli. L’esposizione intitolata semplicemente “Diana” aprirà i battenti a fine marzo in coincidenza con la fine dei lavori di ristrutturazione della residenza reale: alcuni dei capi in mostra saranno presentati in Gran Bretagna per la prima volta. Ed è un segnale che, con William presto rientrato nella casa della sua infanzia, la memoria di sua madre è tornata ad essere ‘intoccabile’ anche a Corte.

Accanto agli abiti selezionati per la mostra ci saranno foto e ritagli di giornali che illustrano i momenti in cui Lady D li ha indossati. Sarà l’occasione per ammirare fianco a fianco le creazioni dei designer preferiti della principessa, da Gianni Versace a Catherine Walker: della stilista britannica morta l’anno scorso, la preferita di Diana, sarà esposto l’abito in crêpe di seta bianco con cui la principessa fu immortalata da Mario Testino per Vanity Fair nel 1997, pochi mesi prima di morire.

Ma il punto focale della mostra sarà il vestito di taffettà di seta nera che Diana indossò nel 1981 nel primo impegno ufficiale accanto al principe Carlo 13 giorni dopo il fidanzamento. Scollato e poco convenzionale per il colore, il vestito era stato bocciato dal futuro marito (”Le disse che il nero era il colore del lutto”) ma la stampa andò in fibrillazione trasformando di punto in bianco la timida fidanzatina in una ‘fashion icon’.

Non è la prima volta che il ‘fantasma’ di Diana torna a casa. Nel 2005 il palazzo ospitò una mostra fotografica dei ritratti scattati da Testino alla mamma di William e Harry.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.