Categorie
ambiente

Tutankamon aveva un piede deforme e morì di malaria, lo dice il Dna

Grazie allo studio di un gruppo di ricercatori italiani, tedeschi ed egizi è stata definita anche con certezza la linea dinastica: era figlio di Akhenaton e di sua sorella – L’apparenza femminea del giovane faraone ha persino fatto ipotizzare che il re fosse affetto da una forma di ginecomastia, per ora sono solo teorie

Il test del Dna dà alla storia un nuovo identikit del celebre faraone Tutankamon. Secondo un gruppo di ricercatori italiani, tedeschi ed egizi il giovanme faraone aveva un piede deforme, camminava con un bastone e aveva fattezze femminili. Il sovrano bambino morì a 19 anni per una frattura ossea che indebolì il suo sistema immunitario facendogli contrarre la malaria.

L’apparenza femminea del giovane faraone ha persino fatto ipotizzare che il re fosse affetto da una forma di ginecomastia, «ma si tratta di teorie nate sulla base dei reperti archeologici e non legate alla valutazione della mummia», scrivono i ricercatori. Nessun segno di ginecomastia o della sindrome di Marfan infatti sono state riscontrate dai ricercatori, dunque l’aria vagamente effeminata tipica dei ritratti del re sarebbe solo una caratteristica dello stile dell’epoca.

Al giovane faraone è stato però diagnosticato un disordine osseo, ma soprattutto gli esami hanno svelato le tracce della presenza del parassita della malaria. L’infezione potrebbe aver causato una necrosi ossea che, in abbinamento alla malaria stessa, avrebbe portato il giovane alla morte. Problemi di deambulazione del faraone sono rivelati anche dalla scoperta di bastoni nella sua tomba, aggiungono gli autori. Secondo i quali come detto, c’è la possibilità che un’improvvisa frattura, abbinata all’infezione malarica, possa aver segnato il destino di Tutankhamon.

L’esame del genoma di Tutankamon, che ha regnato dal 1341 al 1323 avanti Cristo, ha anche finalmente definito la sua linea ereditaria: Akhenaton, il faraone che trasformò radicalmente la religione dell’antico Egitto e che governò dal 1351 al 1334 avanti Cristo, era suo padre e sua sorella era la madre. Inoltre i due feti ritrovati nella tomba del faraone sarebbero veramente suoi figli: due bimbe morte subito dopo la nascita. Questa dinastia, che si snoda sulle rive del Nilo dal 1.550 al 1.295 AC, fu una delle più potenti dell’antico Egitto.

Fra le figure più note proprio Tutankamon: il giovane faraone morto nel nono anno del suo regno, a soli 19 anni, e poco noto prima che Howard Carter scoprisse la sua tomba, intatta, nella Valle dei Re nel 1922. La morte precoce del faraone, senza eredi, ha fatto fiorire nel tempo numerosi ipotesi, sviluppate a partire dai manufatti e dai ritratti ritrovati nella tomba. In passato c’è chi ha pensato a un trauma, a una setticemia, a un’embolia, ma anche a una frattura o a un avvelenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.