Categorie
ambiente

Sharon Stone contro Meryl Streep: "Assomiglia ad un letto sfatto".

Un sondaggio dell’Huffington Post difende l’attrice protagonista di “It’s complicated” dicendo che la Stone “E’ gelosa del successo della Streep”

Sharon Stone
Sharon Stone

Sharon Stone infiamma più i blog che le platee del cinema. Paragonando Meryl Streep a un “letto sfatto” l’attrice star di Basic Instinct è diventata la protagonista di un sondaggio dell’ Huffington Post. Il 51.34% degli intervistati sostiene che la “Stone è gelosa della carriera della Streep”. L’attrice non ci sta e per non dare soddisfazione lascia correre e spiega:  “Meryl lavora così tanto perché ha un look trascurato, un look cui qualsiasi tipo di donna può rapportarsi”.

Non è la prima volta che l’ex star più sexy di Hollywood infiamma la rete con le sue gaffe. Nel 2008, Sharon creò un mini-terremoto diplomatico quando dichiarò che il devastante terremoto cinese che aveva ucciso decine di migliaia di persone era “il karma negativo inflitto alla Cina come punizione per le sue persecuzioni in Tibet”. “Pechino tratta male il Dalai Lama, che è amico mio”, ringhiò durante un galà di beneficenza a Cannes.

La sua ultima boutade non è piaciuta alla blogosfera, che l’accusa di essere invidiosa della star di “It’s complicated”, una delle attrici più amate e gettonate di Hollywood, che, il mese prossimo, secondo i pronostici, si prepara a regalarle la sua 14esima nomination all’Oscar per “Julie and Julia”. Al contrario della stacanovista Streep, la Stone, negli ultimi anni, ha lavorato ben poco. “La sua ultima fatica risale al 2006”, ironizza l’Huffington Post, riferendosi a “Basic Instinct 2”, peraltro bocciato dalla critica.

Nell’intervista a Tatler, la Stone – ingaggiata da Dior come testimonial per la linea di prodotti anti-età – nega di essersi mai sottoposta a chirurgia plastica. “Non l’ho mai fatta”, assicura “niente lifting, niente botox, niente iniezioni. Niente di niente”. Ma più tardi si contraddice “beh, a dire il vero, una volta ho provato un certo trattamento” ammette “ma poi mi sono vista in un film e non mi sono piaciuta. Mi sembrava di avere una testa da pallone gigante, così ho deciso che il lifting non faceva per me”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.