Violenza sulle donne e gli italiani/ La colpa è loro. Dateci il burqa e i talebani

Violenza sulle donne e gli italiani/  La colpa è loro. Dateci il burqa e i talebani

A leggere questa notizia dell’agenzia di stampa Adn-Kronos, viene da pensare che se i talebani si presentasero alle elezioni in Italia otterrebbero ben più voti di Berlusconi. Sì, i talebani, proprio loro, quelli che vogliono le donne con burqa, cioè tutte insaccate in quella grande cappa che le copre tutte, con anche gli occhi coperti da una rete che li lasscia vedere senza essere visti.

L a notizia comincia così. Donne-Salomè a spasso per la Penisola, troppo libere, disinvolte, scollate e ambigue. Ma soprattutto protagoniste in camera da letto. Un atteggiamento stile ‘Sex and the City’ che le trasforma in calamite sessuali, “capaci di far perdere la testa a un uomo, fino a spingerlo alla violenza”. 
Per questo si può dire che, alle volte, le vittime “possono dare la colpa a loro stesse per l’aggressione subita”. Tanto che, “se fossero meno provocanti, le violenze sessuali si ridurrebbero in modo drastico”.

Non è l’opinione dell’agenzia, né del suo direttore né tanto meno quella del suo editore. La Adn Kronos si limita a riportare “più o meno è il pensiero del 56% degli uomini italiani e, anche, a sorpresa, del 33% delle donne e addirittura del 74% dei giovani, svelato da un’indagine realizzata dall’Airs (Associazione italiana per la ricerca in sessuologia) per ricostruire le dinamiche in gioco “Dalle molestie sessuali allo stupro”.

Si tratta di un lavoro, secondo il presidente dell’Airs, Franco Avenia, che l’Airs porta avanti da due anni: è stato sottoposto un questionario ad hoc a tre mila persone (sono state giàelaborate 1.647 risposte, sufficienti per autorizzare una prima conclusione), per individuare le “principali variabili all’origine della violenza sessuale nei confronti delle donne, sondando ambiti inesplorati finora in Italia”. 

La ricerca ha avuto, il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Comune di Roma e dell’Università di Milano, facoltà di Criminologia. Secondo Avenia ha “scoperchiato un mondo di preconcetti, miopia e ignoranza”.

Potrebbero interessarti anche...