Categorie
ambiente

Niente caffè per star sveglie vigili basta mangiare poco o digiunare

Ecco un modo, forse un po’ drastico, per stare svegli e vigili anche quando si fanno le ore piccole: mangiare poco, infatti il digiuno triplica la resistenza al sonno e lo stesso si ottiene mettendo ‘KO’ un gene, Lsd2, senza il quale sono stati creati ‘moscerini senza sonno’. Sono i risultati di uno studio condotto da Paul Shaw della Washington University School of Medicine di St. Louis.

Gli esperti hanno visto sia che il digiuno triplica il tempo che i moscerini possono resistere alla carenza di sonno, è spiegato sulla rivista PLoS Biology, sia che togliere di mezzo il gene Lsd2 da’ lo stesso effetto-digiuno sul sonno. Sono note a tutti le noiose conseguenze di un pasto pesante, in una parola, sonnolenza estrema e difficoltà a riprendere il lavoro dopo la pausa pranzo.

E di recente è stato anche scoperto che dormire poco aumenta l’appetito, a scapito di silhouette e salute, anche perché dormendo poco si tende a mangiare più zuccheri. Così i ricercatori si sono chiesti se fosse vero il contrario, cioé se mangiare poco tenga svegli, e per capirlo hanno ”interrogato” ignari moscerini mettendoli a stecchetto. Ebbene, i moscerini a digiuno di fatto resistono il triplo alla carenza di sonno, sara’ perche’ l’urgenza di sfamarsi, d’istinto, fa perdere importanza a quella di dormire.

Ma c’è di più, i ricercatori hanno anche scoperto un nesso molecolare tra fame e sopportazione del sonno: hanno visto che spegnendo il gene Lsd2, connesso col metabolismo dei grassi, i moscerini subiscono gli stessi effetti del digiuno e sono ‘senza sonno’, cioe’ hanno meno bisogno di dormire. La scoperta indica dunque la strada per un nuovo bersaglio farmacologico contro l’insonnia o al contrario contro la sonnolenza, da ricercarsi in qualche attore del metabolismo dei grassi che ha per protagonista Lsd2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.