Categorie
ambiente

"Terra chiama Marte": sei astronauti simuleranno per 520 giorni il viaggio verso il Pianeta Rosso

marte astronauti
Gli astronauti che simuleranno il viaggio su Marte

Devono simulare il più lungo volo spaziale con uomini a bordo della storia, fino all’atterraggio sul pianeta Marte, sperimentando i possibili effetto psicologici. La simulazione si terrà alla periferia di Mosca: sei astronauti, fra cui l’italiano Diego Urbina, si chiuderanno alle spalle lo sportello per i prossimi 520 giorni.

Poi tre di loro faranno finta di esplorare il “Pianeta Rosso” per un mese, e dopo la “navicella” (una saletta di 180 metri quadri con servizi minimi) “ripartirà” verso la terra. In tutto, saranno 520 giorni senza poter vedere nessuno: l’unica comunicazione consentita sarà via sms, gestita dal centro di controllo.

Oltre all’italiano Urbina ci saranno un francese, un cinese e tre russi. I sei passeranno il tempo tra lavoro, ricreazione e riposo. I viveri verranno razionati. La simulazione non potrà fare accelerare i tempi del vero viaggio su Marte, previsti fra almeno 30 anni, nè potrà prescindere dalla vicinanza fra le orbite del Pianeta Rosso e della Terra, che variano fra loro dai 55 agli oltre 400 milioni di chilometri .

Ma l’Istituto russo per i problemi biomedici (Ibmp) e l’Agenzia spaziale europea (Esa) sono interessati a scoprire da oggi gli effetti sulla mente del lungo, duro, futuro viaggio. Possono vederli anche gli utenti di Internet, che possono seguire la simulazione verso Marte attraverso un apposito sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.