Categorie
ambiente

''Globesità'': la top ten dei Paesi più "ciccioni" del mondo

Ecco la lista dei Paesi dove in percentuale ci sono più ciccioni, The Top Ten Fattest Countries, elaborata dall’Organizzazione mondiale della Sanità

MI261104SK_0001Se credete nel disperato ”grasso è bello” non leggete quest’articolo perchè si tratta di uno slogan lanciato per l’impotenza o l’incapacità di perdere peso. A chi lo ha inventato, del resto, in America hanno risposto con un altro slogan: «Non si può mai essere troppo magri o troppo ricchi».

Come che sia, se tenderete a metter su qualche chilo durante le prossime vacanze natalizie non datevi la colpa; datela alla globalizzazione. Ovvero, mentre il mondo è diventato più piccolo, noi siamo diventati più ”larghi”, e in maniera allarmante, a quanto scrive il sito Global Post.

In vari Paesi del mondo il punto vita si sta espandendo così rapidamente che gli esperti hanno creato un nuovo nome per quest’epidemia: globesità. Fate spallucce e ingoiate tranquilli un’altra forchettatona di bucatini all’Amatriciana? Allora ecco alcuni dati: oggi un adulto su tre al mondo è in sovrappeso e uno su dieci è obeso.

L’Organizzazione Modiale per la Sanità (Oms) stima che entro il 2015 il numero di adulti ciccioni schizzerà a 2,3 miliardi, lo stesso numero delle popolazioni sommate di Europa, Stati Uniti e Cina.

L’aumento dell’obesità coincide con l’aumentata modernizzazione e l’esplosione in tutto il mondo di cibi ad alto contenuto calorico. Non solo: negli ultimi 50 anni molti di noi hanno cominciato ad andare in macchina in ufficio invece di camminare, mangiare pizze o un hamburger invece di cucinare, battere sui tasti del computer invece che trascinare aratri, prendere l’ascensore invece di fare le scale a piedi.

«La combinazione di tutti questi fattori sta facendo aumentare l’obesità in tutto il mondo», avverte James Hospedales, della Pan American Health Organization, che aggiunge: «Quello che è allarmante è che l’obesità non colpisce solo gli adulti di mezza età, ma anche bambini e adolescenti. E questa è una novità».

Ora, in prossimità delle feste natalazie durante le quali si mangia fino a non poterne più, il Global Post  pubblica la lista dei Paesi dove in percentuale ci sono più ciccioni, The Top Ten Fattest Countries, elaborata dall’Oms tra il 2000 e il 2008. Eccola:

1) American Samoa: 93,5%
2) Kiribati: 81,5%
3) Stati Uniti: 66,7%
4) Germania: 66,5%
5) Egitto: 66%
6  Bosnia-Herzegovina: 62,9%
7) Nuova Zelanda: 62,7%
8) Israele: 61,9%
9) Croazia: 61,4%
10) Gran Bretagna: 61%

E’ consolante vedere che l’Italia non è inclusa: sarà per via della dieta mediterranea. Un’ultima curiosità: l’uomo più grasso del mondo è un inglese quarantottenne che vive a Ipsich e che pesa 218 chili. Dice che passa il tempo con i giochi su internet ingozzandosi di junk food.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.