Il governo cinese annulla primo concorso di bellezza gay

Il governo cinese annulla primo concorso di bellezza gay

Era tutto pronto per il primo concorso di bellezza gay in Cina e l’evento veniva già descritto come quasi epocale quando la longa manus del regime ha manato tutto all’aria. La polizia ha detto no con brutalità: di punto in bianco gli agenti hanno fatto irruzione nel Lan Club, noto locale di Pechino che doveva ospitare l’avvenimento, poco prima che cominciasse ed ha annullato tutto.

È stato un blitz dell’ultimo minuto, quando era tutto pronto per la serata e c’erano già centinaia di persone, tra attivisti gay, cinesi e stranieri, giornalisti, fotografi e cameraman. L’obiettivo degli organizzatori era «far conoscere al pubblico i problemi della comunità omosessuale». Secondo il quotidiano newyorchese Daily News è stato un blitz dell’ultimo minuto, quando era tutto pronto per la serata e c’erano già centinaia di persone, tra attivisti gay, cinesi e stranieri, giornalisti, fotografi e cameraman. L’obiettivo degli organizzatori era «far conoscere al pubblico i problemi della comunità omosessuale in Cina».

«Ci hanno detto che non avevamo i permessi giusti – spiega Michael Tsai, uno degli organizzatori – ma speriamo di poterlo fare in futuro». Un membro della giuria però ammette: «Penso che la decisione sia legata alla questione dell’omosessualità in generale». Al concorso avrebbero partecipato otto uomini contendendosi il titolo di Mr. Gay: il vincitore avrebbe poi rappresentato il Paese alla competizione mondiale in programma a febbraio a Oslo.

«In ogni caso manderemo qualcuno a rappresentare la Cina in Norvegia» assicura Tsai. Quel che sorprende è che l’evento non era stato organizzato di nascosto, anzi la stampa gli ha dedicato ampio spazio e l’agenzia ufficiale Nuova Cina aveva sottolineato che gli organizzatori «non avevano avuto problemi con il governo». Ospite d’onore della serata avrebbe dovuto essere la sociologa Li Yinhe, dell’Accademia delle Scienze della Cina, l’istituto di studi del Partito comunista, che ha studiato in modo approfondito la comunità gay.

Da anni i gay cinesi aspettano un riconoscimento dal governo che tarda ad arrivare. Si parla di un esercito di almeno 30 milioni di persone (ma secondo Li Yinhe sarebbero tra i 36 e i 48 milioni), su una popolazione di un miliardo e 350 milioni. La stragrande maggioranza di loro vive nell’ombra, nascondendo i propri gusti sessuali. Va ricordato che fino al 1997 l’omosessualità era classificata come reato e fino al 2001 è stata considerata una malattia mentale. Ora le cose cominciano a cambiare ma nella società restano forti pregiudizi. «La maggioranza dei cinesi vede l’omosessualità come una cosa disgustosa e contraria alla morale e all’etica – dice Zhang Beichuan, un funzionario della sanità pubblica -. Le autorità preferiscono di solito mantenere il silenzio sull’argomento, come sulla prostituzione e la diffusione della droga».

Già nel 2005 la polizia aveva impedito con la forza la celebrazione di un festival dedicato all’omossessualità a Pechino e la scorsa estate gli organizzatori della Settimana dell’orgoglio gay, che si è svolta a Shanghai, sono stati costretti a cancellare l’unico evento pubblico previsto, una sfilata di moda con modelli gay.

Due giorni fa però c’è stata una piccola rivoluzione: per la prima volta il quotidiano China Daily ha dato la notizia di un’unione tra gay: il giornale ha dedicato un lungo articolo a due uomini che si sono simbolicamente sposati a Chengdu. Ma uno dei due, il 45enne Zeng Anquan (sposato con una figlia), ha raccontato che i suoi familiari lo hanno di fatto messo al bando: «Ho ricevuto centinaia di telefonate da amici e parenti, e tutti mi dicevano che si vergognavano di me». Il matrimonio tra partner dello stesso sesso non è riconosciuto dalla legge cinese: Zeng e il suo compagno si sono così dovuti accontentare di una cerimonia in un locale gay.

Potrebbero interessarti anche...