Il disturbo dei movimenti a specchio nei bambini, una questione di geni modificati

Il disturbo dei movimenti a specchio nei bambini, una questione di geni modificati

Guy Rouleau

L’origine genetica dei movimenti a specchio dei bambini è stata svelata. Lo dice una ricerca, pubblicata sulla rivista Science, e condotta da Guy Rouleau dell’Università di Montréal che ha coinvolto due famiglie i cui membri presentavano il disturbo. Quasi come burattini ci sono bimbi che se muovono una manina anche l’altra contemporaneamente si muove allo stesso modo come se la prima mano fosse davanti allo specchio. Il disturbo di mani, gambe e piedi è il risultato di uno strambo scherzo del cervello che evidentemente ha difficoltà di comunicazione con gli arti, che si presenta nei bambini ma di solito scompare o perlomeno si attenua dai 10 anni in su.

Gli esperti hanno scoperto che questo disturbo dipende dal gene DCC che serve alla comunicazione tra neuroni. Infatti i membri delle famiglie con i movimenti a specchio hanno una mutazione su DCC. La scoperta ha anche implicazioni generali per capire perché i due emisferi sono collegati alla metà opposta del corpo.

I Gli arti sono come ‘ipnotizzati’ l’uno dall’altro per cui se uno si muove l’altro è costretto a imitarne il movimento.

Potrebbero interessarti anche...