ambiente

Girasoli contro la radioattività

Campi di girasoli a perdita d’occhio per ripulire il suolo contaminato vicino alla centrale nucleare di Fukushima: e’ l’idea di un gruppo di ricercatori nipponici, secondo cui, sull’esempio di quanto gia’ sperimentato dopo il disastro di Cernobyl, i fiori gialli potrebbero assorbire il letale cesio radioattivo emesso dal disastrato impianto.

Il progetto ecologico e’ stato presentato da Masamichi Yamashita, a capo di un team di scienziati che studia agricoltura spaziale presso la Jaxa, l’agenzia spaziale nipponica, che ha invitato a piantare semi di girasole nelle vicinanze di Fukushima n.1 per sfruttare la capacita’ dei fiori di assorbire alcune sostanze inquinanti, tra cui quelle altamente radioattive come il cesio 134 e 137.

Il piano prevede la coltivazione di girasoli non solo intorno alla centrale, dove l’inquinamento da isotopi radioattivi e’ piu’ grave, ma anche nei giardini delle scuole situate nel raggio di 30 km dall’impianto, nella speranza che i fiori possano anche diventare un simbolo naturale di rinascita.

Il gruppo di scienziati ha gia’ raccolto circa 300 kg di semi di girasole per avviare l’iniziativa, che tuttavia deve affrontare il problema di come smaltire i fiori contaminati: al momento la soluzione piu’ efficace appare il trattamento delle piante con batteri usati nello smaltimento dei rifiuti, che permetterebbe di ridurre la massa dei fiori all’1% del volume originale. I girasoli sarebbero poi gestiti alla stregua di veri e propri rifiuti nucleari.

”Stiamo ancora pianificando le strutture di decomposizione e altri dettagli – ha spiega Yamashita allo Yomiuri Shimbun -.

Pensando alla semina in autunno, speriamo di coinvolgere nel progetto il maggior numero di persone possibile”.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.