Categorie
ambiente

Le lucciole e il "gioco delle coppie": femmine più disponibili se i maschi emettono flash in sincronia

I maschi delle lucciole ‘intonano’ una ‘serenata luminosa’ tutti insieme all’unisono affinche’ le femmine della stessa specie non ”prendano lucciole per lanterne”, ovvero affinche’ trovino il maschio giusto con cui accoppiarsi. E’ quanto dimostra uno studio pubblicato sulla rivista Science secondo cui i maschi di certe specie di lucciole si illuminano in sincronia per richiamare l’attenzione delle femmine della propria specie e farsi vedere da loro per poi riprodursi, altrimenti queste femmine non riuscirebbero a distinguerli dai maschi di altre specie.

Insomma, ha scoperto l’equipe di Andrew Moiseff della University of Connecticut, i flash luminosi a intermittenza inviati dai maschi svolazzanti nella foresta sono ‘sparati’ in sincronia, cioe’ da tanti maschi della stessa specie insieme, i quali, cioe’, emettono la stessa sequenza di flash all’unisono. Cio’ permette di amplificare il loro segnale luminoso e ridurre il ‘rumore di fondo’ (prodotto dai flash di maschi di altre specie) che impedirebbe alle femmine in attesa sulle foglie di vedere i maschi.

‘Regola’ vuole che la femmina, quando ha visto un maschio che ‘fa per lei’, risponda alla ‘serenata luminosa’ di lui con un unico flash per dire che e’ ‘pronta’ e lo aspetta. Questo ‘gioco delle coppie’ molto particolare e’ stato scoperto osservando una specie di lucciola chiamata Photinus carolinus. Gli esperti hanno riprodotto con dei led la tipica ‘serenata luminosa’ dei maschi di questa specie (i flash sono mandati a velocita’ e con pause diverse da specie a specie per cui ogni specie ha una ‘serenata’ diversa) e hanno fatto credere alle femmine che i led fossero i maschi.

Ebbene e’ emerso che se i ‘maschi virtuali’ fanno la serenata all’unisono la femmina risponde col suo ‘si” luminoso nell’80% dei casi; se invece i ‘maschi virtuali’ producono la ‘serenata luminosa’ ognuno per conto proprio (non in sincronia) la femmina risponde solo il 10% delle volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.