Un computer interpreta il pianto dei neonati per tradurlo in necessità ed emozioni

Un computer interpreta il pianto dei neonati per tradurlo in necessità ed emozioni

Ogni genitore, prima o poi, impara a decifrare il pianto del proprio neonato, non senza difficoltà nell’interpretare se i singhiozzi, le urla o i lacrimoni sono da attribuire a fame, sonno o dolore. Quest’ultima è poi tra le situazioni più complicate, perché non sempre si riesce a calmare il bebè che urla. Secondo un team di ricercatori giapponesi, le urla dei bambini non sono tutte uguali e si possono catalogare in base ai bisogni, e tradurre grazie ad un computer…


Leggi l’articolo originale su: benesserblog

Potrebbero interessarti anche...