Associazione scienza e vita: “accendiamo i riflettori sui disabili gravi e le loro famiglie”.

Associazione scienza e vita: “accendiamo i riflettori sui disabili gravi e le loro famiglie”.

”Questa Giornata e’ un momento straordinario per far emergere le buone pratiche, le proposte a favore della vita e quell”umano nascosto’ che da alcuni si vorrebbe privo della dignita’ di vivere”: cosi’ Lucio Romano, copresidente nazionale dell’Associazione Scienza e Vita, parla della prima Giornata nazionale degli Stati vegetativi. Si tratta, sottolinea, di una ”concreta occasione per accendere positivamente i riflettori sulle persone che versano in condizione di gravissima disabilita’ e sulle famiglie che li assistono con cura e attenzione”.

”L’Associazione Scienza e Vita – ricorda Romano – e’ da sempre vicina a coloro che si trovano nella massima fragilita’ e ai famigliari che, spesso nel silenzio, non lesinano amore, impegno e dedizione ai propri congiunti e amici”. Il copresidente di Scienza e Vita conclude sottolineando che la vicenda di Eluana Englaro ”e’ una pagina dolorosa per tutti. Scienza e Vita riflette sugli ‘stati vegetativi’, anche con la speranza di trovare un terreno comune, condiviso da ogni ‘uomo di buona volonta”, nell’impegno per la cura di queste persone”.

Potrebbero interessarti anche...