Sciopero: finta decapitazione Berlusconi. Flai-Cgil: "Era scherzo"

Sciopero: finta decapitazione Berlusconi. Flai-Cgil: "Era scherzo"

VENEZIA – Rintuzza possibili polemiche e parla di un semplice ''gioco'' in attesa della partenza del corteo sindacale la Flai Cgil di Venezia riferendosi alla finta 'decapitazione' di un operaio con la maschera del premier Berlusconi inscenata ieri dai forestali veneti in occasione dello sciopero generale. Una sceneggiata, ad uso dei fotografi, messa in atto con alcune motoseghe private delle lame, che secondo il segretario Flai Cgil del Veneto, Renzo Pellizzon, non aveva ''nessuna intenzione minacciosa, e non nascondeva forme di aggressivita'''. Nel gruppetto c'era un manifestante con una maschera del premier, e mentre tutti aspettavano che il corteo muovesse da piazzale Roma, il giovane si e' messo con il collo chino mentre un suo collega sollevava una motosega. Pellizzon precisa che i forestali si erano presentati alla manifestazione ''muniti di motoseghe, naturalmente, come loro abitudine, senza lama e del tutto innocue. Con questo intendevano simboleggiare i tagli ai trasferimenti alle Regioni ed agli enti locali che hanno messo in ginocchio il servizio''. ''Nessun altro significato – sottolinea – e' da attribuire alla loro iniziativa, ne' al gioco che in attesa della partenza del corteo hanno fatto tra loro brandendo le seghe sulle proprie teste senza porsi il problema che ci fosse anche qualcuno che si era mascherato da premier''. .

Potrebbero interessarti anche...