agenzie

Nozze reali: un agente pronto a fare scudo al principe William

LONDRA 26 APR Nel caso in cui tutto – LONDRA, 26 APR – Nel caso in cui tutto – ma proprio tutto – dovesse andare storto, l'estrema difesa per il principe William, futuro re d'Inghilterra, prendera' la forma di un poliziotto di Scotland Yard travestito da guardia reale. L'agente, armato di tutto punto, accompagnera' i neosposini nel breve viaggio tra l'abazia di Westminster e Buckingham Palace e siedera' a bordo della storica carrozza scoperta usata da Diana e Carlo in occasione del loro matrimonio. Chiarissime le regole d'ingaggio: se iniziano a volare proiettili il suo compito e' di proteggere il principe con il suo stesso corpo, a costo di rimetterci la pelle. Kate, invece, dovra' cavarsela da sola. L'erede al trono, d'altra parte, e' uno soltanto. ''Ci troviamo di fronte a un terribile dilemma'', ha confidato al Sun una fonte interna al team che ha il compito di garantire la sicurezza dei reali. Il quarto membro dell'equipaggio sara' infatti un ''postiglione'', ovvero un autentico servitore di Buckingham Palace. ''E' addestrato a gestire i cavalli – prosegue la fonte – e sara' suo compito calmarli''. Stando al tabloid questo e' il motivo per cui Scotland Yard non ha potuto piazzare sulla carrozza del 1902 un secondo agente ''acchiappa pallottole'' agghindato alla bisogna. ''L'altra opzione e' quella di usare una carrozza coperta, anti proiettile. Ma l'ipotesi e' stata accantonata. William e Kate sanno che decine di migliaia di persone aspetteranno il loro passaggio in strada e vogliono poterli vedere''. Il piano, che pare tratto da un film d'azione alla Bruce Willis, e' comunque visto come una sorta di polizza d'assicurazione contro ogni evento; sul percorso del corteo saranno infatti dislocati oltre 5mila agenti, in divisa e in borghese. Proprio oggi poi Scotland Yard ha voluto dare un taglio alla ridda d'indiscrezioni circolate negli scorsi giorni sulla stampa riguardo a possibili trame terroristiche. ''Non esistono elementi d'intelligence relativi a minacce'', ha detto una portavoce della polizia in un briefing sulla sicurezza. ''Ogni disturbo ricevera' un trattamento deciso e robusto'', ha poi messo in guardia l'agente. A ben vedere, piu' che gli estremisti islamici o i separatisti irlandesi la Metropolitan Police teme anarchici e antagonisti – i black bloc, tanto per intenderci. Sei attivisti – gia' finiti nel mirino della polizia durante gli incidenti scoppiati il giorno della marcia contro i tagli organizzata dai sindacati britannici – sono stati infatti arrestati nei giorni scorsi perche' giudicati un possibile pericolo per l'ordine pubblico nel giorno della cerimonia. Il numero degli anarchici ai quali e' stato proibito l'accesso alla capitale venerdi' prossimo e' cosi' salito a 68. Detto questo, agli agenti incaricati di proteggere i vari VIP e' stato comunicato che non verranno criticati se pizzicati a sfoderare le armi in un falso allarme. ''Meglio essere pronti a sparare che reagire in ritardo'', ha sintetizzato la fonte del Sun. L'operazione e' insomma delicata e nessuno lo nasconde: i bei tempi in cui Carlo e Diana potevano attraversare Londra in carrozza senza far venire gli incubi a Scotland Yard fanno ormai parte di un'altra era geologica. Facile dunque capire perche', a taccuini riposti e a registratori spenti, i boss della polizia facciano il tifo per la pioggia, cosi' come suggeriscono le ultime previsioni: la carrozza coperta s'imporrebbe infatti da sola. .

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.