agenzie

La malaria colpisce 30mila viaggiatori l'anno. Lo dice l' OMS

ROMA – Ogni anno sono circa 30mila i viaggiatori che, visitando le regioni tropicali e subtropicali di oltre 100 Paesi, contraggono la malaria. La febbre, che si manifesta una settimana dopo l'arrivo in aree a rischio e fino a tre mesi dopo il rientro a casa, e' un sintomo da non sottovalutare mai perche' solo una diagnosi rapida, associata a un trattamento corretto, puo' tutelare da questa malattia potenzialmente mortale. E' quanto sottolinea 'Organizzazione mondiale della Sanita' (Oms) che oggi promuove la 'Giornata mondiale della Malaria. L'iniziativa e' stata lanciata nel 2007 dall'Oms per monitorare gli sforzi internazionali per tenere sotto controllo questa patologia, con l'ambizioso obiettivo di giungere ad azzerare i decessi per malaria entro il 2015. Un passo essenziale anche per raggiungere gli Obiettivi del Millennio per lo sviluppo definiti dalla Nazione Unite. E nonostante i progressi registrati, nel 2009 sono morte per malaria 780mila persone. Esistono quattro tipi di malaria che colpiscono l'uomo: plasmodium falciparum la piu' mortale; plasmodium vivax, plasmodium malariae; plasmodium ovale. Mentre in alcune foreste del Sud Est asiatico sono state registrati casi di plasmodium knowlesi. In Africa ogni 45 secondi un bambino muore di malaria, e quasta malattia e' responsabili del 20% dei decessi infantili. Circa il 90% delle morti per malaria riguarda il continente africano, dove i poveri, le donne in gravidanza, i sieropositivi, e i viaggiatori sono particolarmente vulnerabili. Ai turisti e a chi deve soggiornare in aree a rischio l'Oms raccomanda di aver consapevolezza del rischio, del periodo di incubazione, e dei principali sintomi; evitare le punture delle zanzare anopheles soprattutto all'alba e al tramonto; fare la profilassi antimalarica; e consultare immediatamente un medico per una corretta diagnosi e definizione del trattamento di cura..

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.