Maya, l’husky che ama fare le bolle nell’acqua VIDEO

Pubblicato il 14 giugno 2016 09.22 | Ultimo aggiornamento: 13 giugno 2016 18.32

Tags: , , ,

 
Maya, l'husky che ama fare le bolle nell'acqua VIDEO

R OMA – Maya è un bel cagnone di razza husky che vive in Minnesota. L’animale, mentre sta bevendo scopre di poter fare le bolle soffiando all’interno della ciotola dell’acqua. Da quel momento, Maya non si è fermata più dato che adora fare le bolle.

E il video, come spesso avviene in questi casi è un successo e i quasi due settimane raccoglie più di un milione e 100mila clic. A proposito di questa razza di cani, Wikipedia scrive:

“Il Siberian Husky è una razza di cane selezionata nella sua forma moderna negli Stati Uniti d’America a partire da cani originari della Siberia, dove era stato allevato per secoli dal popolo dei ciukci per il traino delle slitte. All’inizio del Novecento degli esemplari vennero importati in Alaska da un mercante di pellicce, William Goosak. Nella “All Alaska Sweepstakes” del 1909 il traino da lui organizzato arrivò terzo, destando impressione anche per la differenza di taglia con i cani solitamente utilizzati, tanto da guadagnare l’appellativo di “siberian rats” (ratti siberiani).

Negli anni successivi, cani di provenienza siberiana ebbero più volte successo nelle remunerative corse con i cani da slitta, grazie ad appassionati come Fox Maule Ramsay. Nel 1913 Amundsen voleva organizzare una spedizione al Polo Nord. Degli esemplari accuratamente selezionati vennero affidati per l’addestramento a Leonhard Seppala, ma nel 1914 la prima guerra mondiale causò l’abbandono del progetto. Gli equipaggi di Seppala vinsero comunque le ultime tre edizioni della Sweepstakes (1915, 1916 e 1917), prima che l’ingresso degli Stati Uniti nel conflitto mondiale ne decretasse la fine.

Pur essendo un cane da tiro, quindi robusto e muscoloso, possiede una struttura elegante, leggera e ben proporzionata. Ha un cranio leggermente arrotondato che, insieme al muso che si restringe verso il tartufo, contribuisce a far risaltare il suo aspetto lupino. Gli occhi a mandorla, leggermente obliqui, possono essere marroni, ambra, azzurri o eterocromi (un occhio di un colore e uno di un altro o due colori nello stesso occhio) e l’idea secondo cui tutti gli husky dovrebbero avere occhi azzurri è infatti dettata solo da una moda. Le orecchie, portate erette e vicine tra loro, sono piccole per disperdere meno calore e ben fornite di pelo, per sopportare meglio le temperature polari a cui, spesso, sono esposti.

Allegro e giocherellone, dignitoso e orgoglioso, è a volte gioviale, ma soprattutto molto socievole con tutti, cani e persone; può essere un ottimo compagno di giochi per i bambini. Benché sia un po’ testardo, come tutti i cani nordici, può essere educato, purché in tenera età. Nonostante il carattere amichevole, è molto indipendente, non semplice da allevare e ha un forte istinto predatorio nei confronti di piccoli animali domestici e non.

Per la sua conformazione caratteriale, il Siberian Husky tende a trovarsi una sua allocazione all’interno della famiglia che lo sta adottando, poiché la ritiene come fosse un branco. Per tale motivo, l’animale si sottometterà solo a colui che riterrà essere il suo capo branco, mentre con gli altri componenti sarà meno “rispettoso”. Per questi motivi bisogna educarlo in maniera ferma, ma estremamente gratificante, perché è molto intelligente e sensibile: questa sua caratteristica ha facilitato nelle persone l’idea che si tratti di un animale testardo e indipendente. La sua intelligenza, la sua mansuetudine e il suo desiderio di affetto, fanno di lui un compagno gradevole e un lavoratore pieno di buona volontà”.