Vanessa Incontrada batte Michelle Hunziker con “Non dirlo al mio capo”

Pubblicato il 27 maggio 2016 12.03 | Ultimo aggiornamento: 27 maggio 2016 12.03

Tags: ,

 

Vanessa Incontrada batte Michelle Hunziker con “Non dirlo al mio capo”, serie legal comedy di Giulio Manfredonia in onda su Rai1, giunta alla sua penultima puntata, che ha ottenuto infatti uno dei migliori risultati da quando è in onda. E’ riuscita a battere perfino la Bocelli&Zanetti Night, presentata dalla Hunziker, che ha visto la partecipazione di molte celebrities del calcio e dello spettacolo. Secondo quanto riportato da Fanpage:

“Su Rai1 la penultima puntata della fiction Non dirlo al mio capo con Vanessa Incontrada è stata vista da 5.718.000 spettatori, pari al 22,73% di share nel primo episodio e 5.582.000 spettatori (25,72%) nel secondo. Su Canale 5 la serata di beneficenza Bocelli and Zanetti Night ha invece fatto registrare una media di 3.041.000 spettatori (15,34% di share). In terza posizione si piazza Virus, in onda su Rai2, con 1.126.000 spettatori e il 5,15% di share. Il programma ha superato la terza puntata di Flight 616, condotto da Paola Barale su Italia 1, che ha totalizzato 1.098.000 spettatori, 4,86% di share. Segue Rete 4 con il film Giustizia privata 1.252.000 spettatori, 5,40%, che ha fatto meglio di Ronin (Rai3, 1.172.000 spettatori, 4,84%) e di Eccezionale veramente, visto da 637.000 spettatori (3,33%).

Nel cast di Non dirlo al mio capo oltre a Vanessa Incontrata anche Lino Guanciale nei panni di Enrico, avvocato e capo di Lisa, apparentemente insensibile e allergico ai legami familiari; Giorgia Surina, interprete di una ‘super’ donna in carriera, Marta; Chiara Francininel ruolo di Perla, vicina di casa sui generis della protagonista, a metà tra Sex & the City e la regina di Biancaneve.

“Lisa fa e deve gestire contemporaneamente mille cose, per questo è un po’ supereroe – ha detto Vanessa Incontrada – anche se credo che sia una capacità che noi donne abbiamo nel dna. Io poi sono cresciuta in una famiglia molto matriarcale. Sono stata abituata ad avere intorno donne che, rimaste sole, sapevano fare tutto”.