Pechino Express, ecco l’itinerario della quarta edizione

Pubblicato il 7 settembre 2015 17.19 | Ultimo aggiornamento: 8 settembre 2015 12.59

Tags:

di Redazione Ladyblitz
 
Costantino della Gherardesca: "Stavo per morire di droga"

R OMA – Ricomincia Pechino Express, da lunedì 7 settembre su Rai Due. Stavolta il viaggio sarà in America del Sud e partirà dalla capitale dell’Ecuador Quito per concludersi a Rio de Janeiro al termine di 9.970 km percorsi fra Ecuador, Perù e Brasile facendo tappa anche al vulcano Chimborazo, le isole Galapagos, Lima, Machu Picchu, Cuzco, il lago Titicaca e San Paolo.

“Dopo tre anni di Asia dovevamo cambiare, era dietro l’angolo l’effetto deja vu – ha spiegato il curatore editoriale di Magnolia Leopoldo Gasparotto -. Se da una parte cade la barriera linguistica, dall’altra siamo potuti entrare ancora più facilmente nelle case della gente del posto per raccontare le loro vite”.

Più della distanza culturale il principale ostacolo dei viaggiatori sarà insomma l’altitudine, specie nelle puntate girate sulle Ande, ma tutto il programma si preannuncia come una marcia impegnativa fra trekking, scalate ed escursioni termiche: i test fisici attitudinali non a caso sono stati ancora più rigidi, tanto da motivare la scelta di non includere fra i concorrenti una coppia di atleti, ritenuti troppo avvantaggiati.

La formula del programma non cambia: nelle 10 puntate i viaggiatori avranno a disposizione un budget giornaliero di 1 euro che li costringerà ad affidarsi all’ospitalità e alla generosità della popolazione locale, i cui costumi saranno esplorati con missioni e giochi. “L’anno scorso volevamo sfatare stereotipi sugli islamici – commenta Costantino – ma anche verso il cattolicesimo ci sono pregiudizi e il cristianesimo sudamericano contaminato di animismo per molti è da scoprire, così come l’Ecuador è un paese sconosciuto ai più: se più persone vedessero le culture straniere di persona anziché da film e tg, la nostra società ne gioverebbe”.