Terremoto, Leonardo Bonucci e il “silenzio” social