Rugby: Maria Beatrice Benvenuti arbitro alle Olimpiadi di Rio

Pubblicato il 27 agosto 2015 16.30 | Ultimo aggiornamento: 27 agosto 2015 16.37

Tags: , ,

di Redazione Ladyblitz
 
Rugby: Maria Beatrice Benvenuti arbitro alle Olimpiadi di Rio

R OMA – Grazie a Maria Beatrice Benvenuti il rugby italiano sarà rappresentato alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Gli azzurri sul campo non si sono infatti qualificati. La loro ultima apparizione alle Olimpiadi risale addirittura al 1924. Sul campo però ci sarà la Benvenuti nelle vesti di arbitro internazionale. Nata a Roma 21 anni fa, Maria Beatrice è stata inserita dalla federugby internazionale (World rugby) tra i direttori di gara da cui saranno scelti gli arbitri per i tornei a 12 squadre che si disputeranno il prossimo anno in Brasile.

La vicenda la racconta Paolo Ricci Bitti sul Messaggero:

“La prossima tappa sarà l’annuncio del gruppo definitivo, ma la giovane romana ha già fin d’ora le caratteristiche per la consacrazione definitiva. Un formidabile riconoscimento delle sue capacità, considerate più forti di quelle di altre arbitro che per di più, a sostenere una convocazione olimpica, avevano alle spalle le tradizionali potenze del mondo ovale. Un premio, questa sua convocazione nel panel, anche per chi nella Fir lavora per crescere arbitri perché c’è bisogno di loro quanto di giocatori”.

“Due anni fa, quando presentammo per la prima volta questa ragazza di Trastevere che stava iniziando a mettersi in luce dopo la precocissima gavetta nei campi fangosi di periferia, non ci voleva molto a pronosticare l’assenza di squadre azzurre alle Olimpiadi del 2016: il gap tecnico era evidentemente incolmabile. Serviva invece un po’ di fede per scommettere su Maria Bea e sul suo sogno di andare a Rio, ma nel rugby – si sa – serve prima di tutto il coraggio. Così, tutto, passo dopo passo, si è via via avverato grazie a grinta e lucidità impressionanti che Maria Bea unisce a grazia e gentilezza”.

“E allora ecco la promozione per fischiare in serie A femminile e poi, partendo dal ruolo di più giovane arbitro internazionale di sempre nel mondo, le Universiadi, le finali di campionato, le World Series, i Mondiali in Francia. E possiamo scommettere che lei, maturità al liceo classico e studentessa a scienze delle sport, arbitrerà anche i maschi nella serie A italiana (quella chiamata Eccellenza)”.

“Senza mai montarsi la testa, sempre senza perdere la bussola nonostante anche nel rispettoso ambiente rugby scappi di tanto in tanto qualche epiteto non leggero, dai primi test da ragazzina alla Capitolina di via Flaminia ai match internazionali, la Benvenuti è arrivata, pur senza mai averlo giocato come i suoi fratelli, sulla vetta del rugby. Un cammino notato anche da DMax che da due anni “copre” il Torneo delle Sei Nazioni e che l’ha voluta nel team di commentatori proprio per le sue capacità di rendere facile la comprensione delle regole e delle situazioni del rugby che sempre facili non sono. Dote dimostrata da Maria Bea anche nell’aiutare i lettori del Messaggero a raccapezzarsi tra “tenuti” e “offside” nell’inserto speciale per il Torneo 2015.”