Vaginoplastica in aumento. Soprattutto tra 16 e 30 anni

Pubblicato il 4 novembre 2015 16.00 | Ultimo aggiornamento: 4 novembre 2015 16.30

Tags:

di redazione Ladyblitz
 

L ONDRA – Sempre più donne si rifanno la vagina. Avete letto bene. La vaginoplastica (così si chiama l’operazione di ricostruzione dell’organo sessuale femminile) è sempre più diffusa tra le donne tra i 16 e i 30 anni: nel 2014 c’è stato un aumento di questi interventi del 49% rispetto al 2013.

Come spiega Elisa D’Ospina sul Fatto Quotidiano,

“i “designer della vagina”, così chiamati negli States, ammettono che l’incremento del numero degli interventi è notevole e sempre più giovanissime lo richiedono. La durata è di circa venti minuti e viene fatto in anestesia locale con sedazione. Tra i più richiesti della vaginoplastica c’è l’intervento alle piccole labbra, chiamatalabioplastica, che prevede la rimozione dell’eccesso di pelle e mucosa”.

Tra le operazioni richieste anche la labioplastica additiva, che serve a dare volume alle grandi labbra poco carnose, e l’imenoplastica, che riavvicina i margini in maniera da ridare continuità all’imene. I costi vanno dai 1.000 ai 5.000 euro a seconda del tipo di operazione richiesta.

A rivolgersi ai chirurghi estetici per questo tipo di intervento sono donne tra i 16 e i 30 anni. La motivazione principale è la possibilità di poter indossare pantaloni da yoga e costumi da bagno senza mostrare troppo.

Interpellato dal Daily Mail, il chirurgo estetico Jennufer Walden ha spiegato che gli interventi non sono fatti solo per vanità. La vaginoplastica è richiesta soprattutto da donne che hanno una vagina dilatata dopo una o più gravidanze. La dilatazione può causare problemi di igiene, ma anche disagio durante i rapporti sessuali e quando si indossano indumenti particolarmente stretti.