Tumori, dimagrire allunga la vita dei malati

Pubblicato il 6 giugno 2016 16.30 | Ultimo aggiornamento: 6 giugno 2016 15.43

Tags: ,

 

C HICAGO – Perdere peso e dimagrire può salvare la vita dei malati di tumore: è quanto sostiene uno studio americano condotto dalla Harvard Medical School e presentato alla conferenza della American Society for Clinical Oncology di Chicago.

In particolare gli studiosi americani hanno rilevato che anche una piccola perdita di peso ed un esercizio fisico moderato possono migliorare il tasso di sopravvivenza anche del 20 per cento.

Da tempo si ritiene che l’eccesso di tessuto adiposo stimoli la circolazione di ormoni estrogeni, insulina e leptina, che favoriscono la crescita del tumore. I ricercatori della Harvard Medical School hanno scoperto che anche solo perdendo il 10 per cento del proprio peso totale le chance di sopravvivenza nei cinque anni seguenti aumentano in una percentuale al 23 per cento.

Questo significa che, per esempio, se cento donne con il cancro al seno non si mettono a dieta 23 di loro probabilmente moriranno. Ma se si metteranno tutte a dieta il numero di quelle che non sopravviverà si abbasserà a 19.

 

Già uno studio precedente dell’Università di Yale aveva mostrato che le donne che perdono il 6 per cento del loro peso corporeo hanno livelli più bassi di quegli ormoni che scatenano i tumori. Altri studi hanno rivelato l’importanza della perdita di peso per gli uomini malati di cancro alla prostata. 

La professoressa Melinda Irwin, dell’Università di Yale, ha anche presentato una serie di studi in cui sono evidenti i cambiamenti nell’espandersi del tumore nelle donne legati alla perdita di peso e all’inizio di una attività fisica.