Sindrome della “vagina morta”: problema fisico o mentale?