Sclerosi multipla, possibile cura da un batterio intestinale