Ragazzi con la gobba, colpa dello smartphone. O forse no…