Obesità, un batterio aiuta a combattere la voglia di dolce

Pubblicato il 21 aprile 2016 10.00 | Ultimo aggiornamento: 21 aprile 2016 09.31

Tags:

 
Obesità, un batterio aiuta a combattere la voglia di dolce

L ONDRA – Obesità, la chiave per sconfiggerla si trova in un batterio? Forse sì, e probabilmente quel batterio è l‘Escherichia coli. Questo microrganismo presente nel nostro intestino, infatti, sarebbe in grado di bloccare la voglia di dolci. E tutto questo si può indurre.

In particolare uno studio condotto dalla Augusta University e ripreso dal Daily Mail ha scoperto che piccole dosi di Escherichia coli nell’intestino possono invertire il desiderio di dolci in una persona: quindici ore dopo l’immissione della dose del batterio, infatti, i livelli di leptina, il cosiddetto ormone della sazietà che mette a tacere il senso di fame, aumentano. Ed in sette giorni i recettori del gusto dolce si riducono.

Allo stesso tempo i ricercatori assicurano che per il resto il gusto dei topi da laboratorio su cui è stato condotto lo studio era rimasto inalterato.

La neuroscienziata Lynette McCluskey, autrice dello studio, ha sottolineato che “nel nostro campo stiamo iniziando a pensare a come gli ormoni e i differenti fattori influiscono sul sistema del gusto e contribuiscono all’obesità. Identificare il gusto, dolce o salato che sia, è il primo passo in questo senso. Volevamo sapere che cosa accade al gusto se si producono dei cambiamenti a livello di flora intestinale. E i risultati di questo studio potranno un giorno aiutare a ridurre il consumo di cibi non sani e alimenti dolci, facendo diminuire il livello di obesità nella popolazione mondiale.