Menopausa, dieta giusta per proteggere ossa e cuore

Pubblicato il 9 luglio 2015 15.00 | Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2015 12.14

Tags:

di redazione Ladyblitz
 
Menopausa, dieta giusta per proteggere ossa e cuore

MILANO – Donne in menopausa: ossa più fragili, sistema cardiovascolare che vacilla… Purtroppo l’addio del ciclo con tutto quello che comporta provoca dei cambiamenti notevoli nell’organismo delle donne. Ma molte patologie e fragilità possono essere evitate, o quanto meno ridotte, con una corretta alimentazione. 

A suggerire quale sia è il ministero della Salute, che ha spiegato le linee guida alimentari per la donna over cinquanta in un incontro all’Expo di Milano con Sara Farnetti, medico internista e specialista in nutrizione clinica.

Tra i punti imprescindibili di questa strategia alimentare ci sono l’attenzione alla salute delle ossa, la prevenzione cardiovascolare e il controllo dei sintomi tipici della menopausa come le vampate di calore.

Nei 2-3 anni che precedono la scomparsa del ciclo mestruale si può già manifestare la sindrome menopausale. L’esaurimento della funzione delle ovaie e la diminuzione degli estrogeni sono alla base di sintomi come irregolarità mestruali, disturbi urogenitali, cistiti ricorrenti, fino all’atrofia vaginale. Aumenta anche il rischio di fratture per osteoporosi e quello cardiovascolare, e compaiono disturbi come vampate di calore, cefalea, palpitazioni, ansia e depressione, insonnia.

COSA MANGIARE – L’alimentazione in menopausa dovrà contenere proteine, vitamine e minerali per prevenire l’osteoporosi, come spiega Farnetti:

“E’ importante consumare ad ogni pasto frutta e verdura verde e gialla, come uva, kiwi, arancia, carote, peperoni, broccoli, ma non bisogna dimenticare di aggiungere la vitamina E dell’olio extravergine di oliva che rende davvero efficace l’azione di queste sostanze. Andranno poi limitati gli alimenti ad elevato carico glicemico, utilizzati prevalentemente grassi vegetali monoinsaturi e aumentato l’apporto di acidi grassi essenziali omega 3 per prevenire il declino cognitivo oltre che le malattie cardiovascolari. Soprattutto a cena è bene evitare sostanze stimolanti che favorirebbero l’insonnia e le vampate di calore. E’ poi opportuno mangiare di più cibi ricchi in antiossidanti e fitoestrogeni, come broccoli, cipolle, aglio, legumi, salvia e rosmarino”.