Ictus, chi parla due lingue recupera meglio