Dimagrire? Questione di noia… E’ lei che ci fa ingrassare

Pubblicato il 29 aprile 2016 09.31 | Ultimo aggiornamento: 29 aprile 2016 09.31

Tags: ,

 
Dimagrire? Questione di noia... E' lei che ci fa ingrassare

L ONDRA – Dimagrire? Forse più che sport e dieta basterebbe avere una vita più emozionante. Perché se ci si butta su patatine e cioccolato un motivo c’è: cerchiamo lì quell’impulso alla dopamina che danno eventi felici, gioiosi, momenti di amore o di passione, o semplicemente piccoli eventi positivi.

I cibi grassi e dolci, infatti, attivano la dopamina, quel neurotrasmettitore che ci fa sentire bene, per dirla in parole semplici. Così se non è la vita a farlo, cerchiamo questo effetto nel cibo, come sottolinea il dottor Sandi Mann, ricercatore della Central Lancashire University, sul tabloid britannico The Daily Mail.

Il dottor Mann e la sua équipe di ricercatori hanno presentato il loro studio alla conferenza della British Psychological Society di Nottingham.

I ricercatori hanno condotto due diversi studi sul legame tra noia e scelte alimentari. Nel primo studio hanno chiesto a 52 volontari di completare un noioso esercizio di copiatura dello stesso gruppo di lettere e poi hanno chiesto loro quale cibo volessero. Nel secondo studio hanno domandato a 45 volontari di guardare un video noioso oppure divertente, durante il quale erano disponibili alimenti sani e non sani.

I contenitori con gli snack sono stati pesati prima e dopo ogni esercizio per vedere quali fossero quelli scelti di più dai volontari. E il risultato è stato che le persone annoiate si erano buttate sugli snack meno salutari.

“Le persone che stilano le linee guida delle campagne di educazione alimentari per incoraggiarci a mangiare cibi sani devono prendere in considerazione anche la noia, inclusa quella nei posti di lavoro. Le persone annoiate non mangiano noci”, ha chiosato il dottor Mann. “Questo studio evidenzia i legami tra noia e livelli di dopamina e che le persone cercano di stimolarla mangiando cibi grassi o zuccherati perché non sanno come alleviare la propria noia in altri modi”.