Dieta fast, dimagrire senza rinunciare a nulla

Pubblicato il 5 aprile 2016 13.00 | Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2016 12.50

Tags:

 
Dieta fast, dimagrire senza rinunciare a nulla

R OMA – Dieta fast, dimagrire senza rinunciare a nulla e guadagnarci anche in salute. Sembra qualcosa di impossibile ma è quello che garantiscono gli autori di questo regime alimentare, il dottor Michael Mosley e la giornalista Mimi Spencer. 

Ma che cosa prevede la dieta fast? Niente bilancini o liste di alimenti proibiti. Molto più semplicemente cinque giorni alla settimana si mangia quel che si vuole, due giorni, invece, si segue una restrizione calorica (intorno alle 500/600 calorie totali al giorno), per perdere peso sgonfiarsi, rinnovare le cellule del corpo e decelerare i processi di invecchiamento.

Come spiegano gli autori della dieta fast, 

“Per quanto possa sembrare un controsenso, non esistono cibi proibiti. Il principale vantaggio della Dieta Fast è che include cibi piacevoli 5 giorni alla settimana e per la maggior parte del tempo non ci sono privazioni, limiti, sensi di colpa. L’impatto psicologico del non dover subire proibizioni è enorme e ostacola anche la voglia di mangiare i cibi proibiti. In ogni caso, non cercate di ingozzarvi per rifarvi del tempo perduto, ricordate che questo non è un ciclo di abbuffate e digiuni mortali: è moderato e calibrato. In più il digiuno intermittente regola l’appetito e rimarrete istintivamente attenti alla vostra assunzione di calorie. Quindi sì, mangiate liberamente, non proibitevi niente, ma date retta al vostro corpo per decidere «quando».

La dieta del digiuno intermittente, come viene anche chiamata la dieta fast, è stata accolta favorevolmente anche dalla comunità medica e scientifica. Come spiega il dottor Valter Longo, direttore del Longevity Institute presso la University of Southern California, il digiuno presenta una vasta gamma di benefici per la salute: saltare il pasto anche per brevi periodi di tempo stimola un certo numero di agenti riparatori che portano benefici a lungo termine:

“Sin dall’inizio molte prove suggeriscono che un digiuno periodico temporaneo può innescare cambiamenti di lunga durata, benefici contro l’invecchiamento e le malattie. Se sottoponi a restrizione calorica una persona, dopo ventiquattr’ore ti accorgi che è avvenuta una rivoluzione. Nemmeno l’assunzione di un cocktail di medicinali potenti, molto potenti, potrà mai produrre effetti anche solo simili a quelli procurati dal digiuno. La bellezza del digiuno è che è tutto coordinato”.