Denti del giudizio, ecco perché “e meglio non toglierli”