Ansia e sindrome da colon irritabile: la chiave nell’intestino

Pubblicato il 3 marzo 2017 08.00 | Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2017 16.10

Tags: ,

 
Ansia e sindrome da colon irritabile: la chiave nell'intestino

I batteri che compongono la flora intestinale possono alterare sia la funzionalità dell’intestino sia la ‘mente’ di un individuo, esponendolo alla sindrome dell’intestino irritabile, la malattia gastrointestinale più diffusa al mondo, e anche a comportamenti ansiosi.

Questi batteri risultano infatti ‘contagiosi’: se vengono trapiantati nella pancia di topolini sani, trasmettono loro ansia e disturbi del colon. A dirlo è uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine e condotto dall’italiana Giada De Palma, originaria di Bologna e attualmente in Canada presso la McMaster University a Hamilton.

La sindrome del colon irritabile è una malattia caratterizzata da dolore addominale, problemi intestinali che passano da diarrea a costipazione. Si può associare anche a disturbi comportamentali, in particolar modo all’ansia.

Per provare la complicità dei batteri intestinali nel causare questa malattia tanto diffusa quanto misteriosa, l’italiana ha prelevato campioni di flora intestinale di pazienti e soggetti malati, trapiantandoli nella pancia di topolini.

Il trapianto dei batteri intestinali dei pazienti ha determinato la comparsa della sindrome dell’intestino irritabile negli animali, con comparsa anche di disturbi d’ansia, esattamente come nei pazienti. Quando invece i topolini sono stati trapiantati con flora intestinale di soggetti sani, la malattia non è comparsa.

Insomma, la flora intestinale dei pazienti ‘contagia’ i topolini, segno che ha un ruolo attivo nell’origine della malattia, compreso lo scatenare i sintomi comportamentali, quindi l’ansia. Lo studio suggerisce la possibilità di curare sia i sintomi intestinali sia l’ansia con una terapia a base di fermenti e fibre alimentari, in grado di ripristinare una flora intestinale sana.