Anoressia e bulimia, come il cervello vince la fame

Pubblicato il 9 novembre 2016 14.04 | Ultimo aggiornamento: 9 novembre 2016 14.04

Tags: ,

 
Anoressia e bulimia, come il cervello vince la fame

R OMA – Anoressia e bulimia, come il cervello vince la fame. Le persone che soffrono di queste patologia riescono a sconfiggere la voglia di mangiare, fino a ignorare lo stimolo della fame, e le ragioni possono essere nel cervello. Una delle chiavi per capire come questo sia possibile risiede nell’ipotalamo, una sorta di ‘centralina’, che regola anche l’appetito guidando lo stimolo della fame, e che può essere superato, quasi ‘sopraffatto’ da segnali che arrivano da altre aree del cervello. Perdendo sostanzialmente la ‘battaglia’, tutta interna, che guida la ricerca del cibo. È quanto emerge da una ricerca della University of Colorado School of Medicine pubblicata su Translational Psychiatry. Gli studiosi hanno verificato che i normali modelli di stimolazione dell’appetito nel cervello sono effettivamente invertiti in coloro che hanno disturbi alimentari.

Usando scansioni cerebrali, hanno esaminato come 26 donne sane e 26 con anoressia o bulimia nervosa hanno reagito alla degustazione di una soluzione zuccherina. Dai risultati è emerso che le partecipanti allo studio con disturbi alimentari avevano alterazioni diffuse nella struttura dei percorsi cerebrali che regolano il binomio gusto-ricompensa e la regolazione dell’appetito. Le alterazioni sono state trovate nella materia bianca, che coordina la comunicazione tra le diverse parti del cervello. Importanti differenze sono state trovate inoltre nel ruolo dell’ipotalamo: nelle donne sane le aree del cervello che guidano la ricerca del cibo hanno preso indicazioni dall’ipotalamo stesso, mentre in coloro che avevano disturbi alimentari i percorsi diretti all’ipolatamo erano più deboli e la direzione delle informazioni andava in senso opposto (Ansa).