Alzheimer, insulina inalata salva la memoria

Pubblicato il 27 agosto 2015 11.00 | Ultimo aggiornamento: 25 agosto 2015 19.14

Tags:

di redazione Ladyblitz
 
Alzheimer, insulina inalata salva la memoria

S AINT LOUIS (USA) – Alzheimer, una cura dall’inalazione dell‘insulina. Lo dimostra uno studio della Scuola di Medicina dell’Università di Washington e della Saint Louis University. I ricercatori americani hanno, infatti, scoperto che l’insulina attraverso il naso arriva alle zone del cervello colpite dalla demenza senile ed è in grado di migliorare la memoria senza finire nel sangue.

Durante lo studio, nel test di riconoscimento degli oggetti, dopo una singola dose di insulina intranasale, le cavie riuscivano a ricordare gli oggetti visti prima, diversamente da quelle cui non era stata somministrata.

I ricercatori hanno anche visto che l’insulina non finisce nel sangue, eliminando così una delle principali preoccupazioni nella comunità medica, perché abbasserebbe i livelli di zucchero. Inoltre, dosi ripetute aumentano l’efficacia per la memoria.

La malattia di Alzheimer e altre forme simili colpiscano oltre 44 milioni di persone e il numero è destinato a raddoppiare entro il 2030. L’Alhzeimer è considerata dall’Organizzazione mondiale della Sanità una grave pandemia non solo nel mondo Occidentale ma ancor più nei Paesi in via di sviluppo (si attendono circa 2 miliardi di persone malate nel 2050 con India e Centro Africa su tutti). L’uso dell‘insulina per via nasale è stato ipotizzato circa 10 anni fa come approccio terapeutico al diabete in alternativa all’insulina iniettiva (essenzialmente per via sottocutanea). Purtroppo questo tentativo non ha dato i frutti sperati.