Allergie e intolleranze alimentari, 6 test fasulli: eccoli

Pubblicato il 22 settembre 2015 18.00 | Ultimo aggiornamento: 22 settembre 2015 15.16

Tags:

di redazione Ladyblitz
 
Allergie e intolleranze alimentari, 6 test fasulli: ecco quali sono

R OMA – Intolleranze e allergie alimentari: troppi esami inutili. Il servizio sanitario nazionale corre ai ripari. In Italia, infatti, le richieste di esami di questo tipo aumentano al ritmo dell’10% all’anno. Queste analisi sono un business che costano ai cittadini 300 milioni di euro l’anno, senza nessuna prova scientifica: per arginare il fenomeno la Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC) ha presentato le prime linee guida per l’interpretazione dei test diagnostici che mette al bando sei test, da quello del capello a quello che misura la forza fisica.

I veri allergici sono oltre 2 milioni e gli intolleranti a lattosio, nickel o altre sostanze presenti negli alimenti sono complessivamente circa 10 milioni, ma si stima che siano almeno altri 8 milioni gli italiani “ipersensibili immaginari” che imputano a un cibo qualsiasi i sintomi più vari.

Per la diagnosi esistono test validati, ma ogni anno sono circa 4 milioni gli esami fasulli eseguiti in Italia: positivi nove volte su dieci, hanno la stessa attendibilità diagnostica del lancio di una monetina ma fanno sprecare centinaia di euro ai presunti pazienti. Ecco quali sono questi test inutili:

  1. Test del capello: dovrebbe verificare le sostanze chimiche per stabilire lo stato di salute;
  2. test sulle cellule del sangue: valuta modifiche nelle cellule a contatto con le più varie sostanze;
  3. test della forza: valuta variazioni della forza quando si manipolano alimenti presunti nocivi;
  4. VEGA Test: il paziente ha in una mano un elettrodo negativo attaccato ad un circuito cui si applica l’alimento e si tocca il paziente con l’elettrodo positivo. La variazione del voltaggio indicherebbe intolleranza all’alimento specifico;
  5. Biorisonanza: valuta con un computer del campo magnetico del soggetto e delle variazioni indotte da un alimento che genera intolleranza o allergia;
  6. Pulse test o del riflesso cardiaco auricolare: valuta le variazioni della frequenza del polso a contatto con alimento che genera intolleranza o allergia.