Sesso orale, 12 cose che l’uomo medio pensa quando lo riceve

Pubblicato il 14 ottobre 2016 13.25 | Ultimo aggiornamento: 14 ottobre 2016 13.21

Tags:

 

M ILANO – Sesso orale, 12 cose che l’uomo medio pensa quando lo riceve. Vi siete mai domandate che cosa pensa il vostro compagno, fidanzato o semplicemente l’uomo medio quando gli praticate la fellatio? Ebbene, per chi c’ha pensato e per chi non si è mai nemmeno lontanamente posta la questione ecco qualche spunto di riflessione dal giornalista Frank Kobola, che su Cosmopolitan elenca non una, bensì dodici pensieri che spesso passano per la mente di un uomo che riceve del sesso orale. E non si tratta sempre di pensieri gratificanti per chi sta lì china, o in posizioni comunque non troppo agevoli, a prodigarsi con bocca, labbra e lingua.

Prima di tutto parte da una considerazione che, secondo lui, riguarda la quasi totalità degli uomini che riceve un rapporto orale: “Ti prego, fai qualcosa anche con le mie balle”. Insomma: pare che i negletti testicoli abbiano bisogno di ricevere più attenzioni.

E poi eccoli i dodici pensieri dell’uomo medio di fronte ad una fellatio. Tenetevi forte.

  • Ok, adesso me lo prende in bocca. Sta calmo, non forzarla, lascia che succeda. Tranquillo. OH SÌ! ME LO STA PRENDENDO IN BOCCA. È FANTASTICO! ODDIO MI STA FACENDO UN SERVIZIO CON I FIOCCHI, È IL MOMENTO MIGLIORE DELLA MIA VITA, DEVO CHIAMARE I MIEI PER DIRGLIELO (TRANQUILLA, NON LI CHIAMO PER DAVVERO, ERA PER DIRE).
  • Aspetta un attimo. Ma da lì sotto mi vede il sedere? Cioè, vede tutto tutto? Chissà com’è. In effetti non me lo sono mai visto da sotto. Allora dopo prendo uno specchio, lo piazzo lì e do un’occhiata. Naaa. Meglio lasciare un po’ di cose al mistero.

Dopo questi comprensibili dubbi, ecco una domanda che probabilmente mai avreste immaginato che un uomo si sarebbe posto:

  • Che gusto ha il mio pene?

E poi si torna nel loop:

  • Ok è bellissimo. Certo, sarebbe meglio se le tirassi con forza i capelli e la spingessi avanti e indietro per darle il ritmo giusto… Oh, sembra che non gradisca. Che strano.
  • Ti ricordi di quella volta che il tuo cane si è ammalato, e avete dovuto farlo sopprimere e come lui ti guardava quando — PERCHÉ PENSI A QUESTE CAGATE QUANTO LETTERALMENTE TI STANNO FACENDO UN POMPINO?
  • Ci sto mettendo troppo? No, probabilmente no. Sicuramente a lei non interessa. Le piace!
  • *Nella mia testa, mi sto dando un cinque.
  • Cavolo, è proprio brava.

Quindi il dubbio sulla durata, che per fortuna ogni tanto sfiora la mente degli uomini.

  • Mi sa proprio che sto per venire, ma non voglio dirglielo troppo presto, altrimenti lei si ferma o si sposta.
  • Ok, adesso vengo per davvero. Però voglio essere certo di dirlo in modo sexy. Grande. L’ho detto con una voce tipo da robot. Hai presente le voci automatiche? Ecco quelle. Comunque almeno l’ho avvertita.
  • Oh, figata! Ha ingoiato. NO, NON CERCARE DI BACIARMI ADESSO.
  • Vado a dormire.