YOUTUBE Emma Marrone a luci rosse nel video su Facebook

Pubblicato il 19 ottobre 2016 11.28 | Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2016 11.28

Tags:

 
YOUTUBE Emma Marrone a luci rosse nel video su Facebook

R OMA – Emma Marrone ha postato su Facebook un video in bianco e nero in cui canta una canzone di Beyoncè. Ma quello che colpisce è che nel filmato ci sono alcuni ballerini che la toccano. I fan hanno talmente apprezzato che il video ha avuto un grande successo sul web. “Finisci prima le medie e poi da grande farai il discografico!”, è il messaggio che Emma Marrone ha twittato in risposta alla richiesta del suo ammiratore Nicola, di 18 anni, di pensare all’uscita del singolo Adesso (Ti voglio bene) per rilanciare le vendite del suo ultimo album.

Il tweet della cantante è stato però duramente criticato dai suoi fan. “Emma placate perché stava a scherzà… Se te gira male nun te la pijà co la gente, perché manco te sei discografica!”, le fa sapere una follower in un marcato dialetto romanesco, mentre un’altra fa notare alla Marrone come sia facilmente irritabile: “Cara Emma adesso inizi a trattare male pure i tuoi fan? Non ti si può dire nulla!!!”. “Emma ho appena finito il liceo e sono orgoglioso di averti portata in tesina!”, ha risposto poi Nicola.

Poi Emma Marrone ha cercato di chiarire con un lungo post su Facebook.

“I cambi di singolo sono dettati dalla casa discografica in base alle scelte fondate su dei dati precisi” spiega la cantante, che poi afferma di non aver compreso la polemica: “Non capisco tutto questo odio e accanimento da parte di alcuni di voi soprattutto dal momento in cui non credo di aver usato termini offensivi o di aver insultato nessuno!”.

Del resto, a leggere il prosieguo del post sul profilo ufficiale di Emma su Instagram, la cantante si è sentita parte lesa della vicenda e non “carnefice”. “I fan anche se possono essere i migliori del mondo non hanno sempre ragione! E il fatto che noi siamo artisti e quindi persone note non significa che voi potete trattarci come vi pare e piace, e noi dobbiamo stare zitti! perché prima di tutto siamo persone come voi”.