Radiohead tour 2017, concerti in Italia: date e biglietti

Pubblicato il 2 novembre 2016 08.15 | Ultimo aggiornamento: 1 novembre 2016 23.09

Tags:

 
Radiohead tour 2017, concerti in Italia: date e biglietti

R OMA – I Radiohead arrivano in Italia per due concerti: il 14 giugno saranno a Firenze (Visarno Arena, Parco Delle Cascine) e il 16 All’I-Days Milano 2017 (Parco di Monza, Autodromo Nazionale). La band porterà dal vivo l’album “A Moon Shaped Pool” (XL Recordings), uscito a maggio scorso.

In 9 album di studio i Radiohead hanno spostato i confini del rock, fondendo la musica alternative all’elettronica, l’art rock all’hip hop, il pop alla psichedelia, diventando una delle band più influenti degli ultimi decenni. Allergici alle regole del mercato e del marketing musicale, la band ha fatto spesso scelte innovative ridefinendo i generi e imponendo brusche variazioni a un sound già carico di dettagli sperimentali. Biglietti in vendita da venerdì 4 novembre.

Il gruppo inglese, assente dai palchi italiani dal settembre 2012, nel tour toccherà alcuni dei più importanti festival europei come Glastonbury in Inghilterra (23 giugno) e Rock Werchter in Belgio (30 giugno), oltre alla manifestazione dal vivo monzese inaugurata nel 2016 di cui Thom Yorke e soci sono i primi headliner annunciati per la nuova edizione.

I Radiohead sono un gruppo musicale alternative rock inglese che arriva dall’Oxfordshire. Si sono formati nel 1985. Fino al 1992, quando cambiarono nome, erano conosciuti come On a Friday. Hanno venduto più di 30 milioni di dischi in tutto il mondo. La band è costituita da Thom Yorke (voce, chitarra, pianoforte), Jonny Greenwood (chitarra solista, tastiere, sintetizzatore, onde Martenot), Ed O’Brien (chitarra, voce di supporto), Colin Greenwood (basso elettrico, sintetizzatori) e Philip Selway (percussioni).

“Nella storia dei Radiohead – ha detto Thom Yorke – ogni disco rappresenta un’impresa. Per costruire e andare avanti, abbiamo ogni volta demolito tutto quello che avevamo fatto fino a quel momento. Il processo creativo è sempre stato penoso, tormentato, laborioso”.

Foto Ansa.