Premio Mia Martini 2016|Grande successo e tanta buona musica

Pubblicato il 25 ottobre 2016 08.30 | Ultimo aggiornamento: 29 ottobre 2016 01.31

Tags: , , ,

 

Bagnara Calabra – Premio Mia Martini 2016|Grande successo e tanta buona musica.

Tre grandi serate per la XXII Edizione 2016 del Premio Mia Martini concluse con la vittoria della cantante lucana Rosmy, con la canzone “Un istante di noi”.

L’evento si è svolto in 3 serate presso il Palatenda di Bagnara Calabra, dal 20 al 22 di ottobre, tutte condotte magistralmente dalla splendida Veronica Maya, coadiuvata dal simpaticissimo Domenico Milani e dalla sua avvenente assistente Elena Morali.

La giuria è stata presieduta da Gianna Bigazzi e composta da Tanya BorgeseFabio CurtoLuca Napolitano e Franco Fasano, che ha curato la direzione artistica dell’evento insieme al patron e regista Nino Romeo.

Splendide e di grande impatto le scenografie ideate e curate da Mario Carlo Garrambone.

Ma veniamo alla crona dell’evento.

La prima serata si è aperta con la Sezione Etnosong del Premio Mia Martini; i sei gruppi finalisti Onda Kalabra, Popul’Aria,  Nuovo Suono Battente, MedinsudCoram Populo, Gioia Popolare, e Marinella Rodà hanno deliziato il pubblico presente con i loro brani.

La sezione EtnoSong, ha offerto spunti interessantissimi, sia per qualità compositiva e canora che per le coreografie preparate dai vari gruppi, portando alla ribalta le sonorità del folk italiano con i suoi antichi colori in una chiave moderna e coinvolgente.

La Sezione è stata vinta da Marinella Rodà, con “I glosa dikimuun”, un pezzo dal forte impatto emotivo in lingua grecanica, il greco di Calabria, mentre il Premio della Critica è andato ai bagnaresi  Popul’Aria con “A labru di lu mari”. Notevoli e travolgenti anche i Nuovo Suono Battente con “Genti”.

A seguire si è assistito ad una breve anteprima delle otto piccole interpreti finaliste di “Una voce per Mimì”, le quali hanno dato un assaggio della propria bravura.

La serata è proseguita con le sibizioni del primo gruppo della sezione “Nuove proposte per l’Europa”; a salire sul palco sono stati Giorgia Martino, Mark, Velia Imparato, Andrea Barbaro, Dalila Biondi, Noemi Bruno, Angela Setaro, Elio Palmisano, Martina Ranieri, Ambra Ielo, Miki, Emi e Connie.

Davvero spettacolare il sontuoso intermezzo del tenore venezuelano Ghaleb, ospite internazionale della prima serata, che si è preso la standing ovation per una splendida interpretazione di “Nessun dorma”, dalla “Turandot” di Puccini.

La seconda serata ha visto l’interpretazione delle canzoni inedite del secondo gruppo di artisti delle Nuove Proposte per l’Europa, ossia di Giuseppe Pagliuso, Arianna Lancio, Gloria Zaccaria, Martina, Lucia Minutello, Otto & Hazel, Dimitrova Lu, Rosmy, Giorgia Podda, Serio Sisters, Maria De Fedele, Lucrezia Centin.

Momento clou della serata è stata l’esibizione delle giovani artiste di Una voce per Mimì:  Maria Bontvinovskiy, Giulia Golia, Jasmine La Ferla, Sabrina Lupo, Giorgia Mitolo, Sara Ricciardelo, Giulia Scarcella e Beatrice Zoco, che hanno talmente ben interpretato le loro canzoni da mettere in difficoltà la giuria, che ha infine premiato la bravissima Jasmine la Ferla,  con l’interpretazione di “Notturno”, una delle più belle canzoni di Mia Martini.

Tra gli ospiti della serata ricordiamo Rosa Chiodo, vincitrice del Premio Mia Martini “Nuove Proposte per l’Europa 2013”, Chiara Ranieri, vincitrice di Una voce per Mimì 2015, Massimo Cotto, giornalista, scrittore e conduttore radiofonico, che ha ricevuto il Premio Mia Martini “Speciale” e per concludere in bellezza,  il cantautore Amedeo Minghi, che ha ricevuto il Premio Mia Martini “Alla carriera” per i suoi 50 anni in musica.

La terza ed ultima serata ha visto la partecipazione di Amedeo Minghi, Gaetano Curreri e Roberto Vecchioni che hanno donato al pubblico del Palatenda autentici e intensi momenti di emozione, omaggiando Mia Martini.

Si è proseguito con una versione acustica di “Hallelujah” di Leonard Cohen, interpretata da Fabio Curto e con “Cu’ mmè” di Mimì e Roberto Murolo nella versione “reinventata” da Luca Napolitano, avvalendosi della collaborazione di una delle partecipanti, Velia Imparato.

Dopo aver annunciato i sette finalisti, tutti e 25 i concorrenti hanno interpretato “Almeno tu nell’universo” con un arrangiamento dello stesso Luca Napolitano, dando il benvenuto alla conduttrice Veronica Maya, che ha invitato sul palco il patron, Nino Romeo, coi nipoti Nicole e Francesco, “il futuro del Premio Mia Martini”.

I sette finalisti hanno poi interpretato sette pezzi che Mimì aveva cantato nel suo disco “La musica che mi gira intorno”: Connie ha interpretato “Valsinha”, Lucia Minutello “Te possino dà tante cortellate”, Angela Setaro “La donna cannone”, Lubov Dimitrova ha cantato “I treni a vapore”, originariamente di Ivano Fossati, Noemi Bruno ha interpretato “Donna”, Otto&Hazel hanno cantato “Fiume Sand Creek”, originariamente di Fabrizio de Andrè, e Rosmy ha cantato “Se mi sfiori”.

La serata ha poi visto la presenza sul palco di Gaetano Curreri, leader storico degli Stadio, che ha cantato “Un giorno mi dirai”, seguita dal pezzo “E mi alzo sui pedali”, dedicata a Marco Pantani, prima di ricevere un meritato Premio alla Carriera.

Infine i sette concorrenti hanno cantato i loro brani, seguiti dall’altro super ospite, Roberto Vecchioni, che, accompagnato da Lucio “Violino” Fabbri e Massimo Germini, ha interpretato ben 4 brani: “Chiamami ancora amore”, con cui ha vinto Sanremo nel 2011, e le storiche “Sogna ragazzo, sogna”, “Luci a San Siro” e “Samarcanda”.

Hanno chiuso la serata Tanya Borgese con la sua “Sette vite” scritta da Franco Fasano e  Chiara dello Iacovo, che ha intepretato “Mimì sarà”.

Ma ecco i vincitori, a partire proprio da Rosmy, prima classificata del Premio“Nuove proposte per l’Europa, con la canzone “Un istante di noi”; alla cantautrice è andato anche il Premio Speciale “Miglior brano radiofonico” assegnato da Radio Medua.

Sul podio, al secondo posto Angela Setaro con la canzone Scelgo me e al terzo la bulgara Lubov Dimitrova con Libera.

Tanti i premi speciali assegnati: “Premio Interpretazione” a Lucia Minutello (Le giravolte); “Premio della Critica” a Noemi Bruno (La sposa bambina), “Premio Cortesia” a Gloria Zaccaria (Lui); “Premio Giancarlo Bigazzi” a Eliseo Palmisano (Le ali del tempo); “Premio AFI” ad Angela Setaro; “Premio New Music Image” a Lubov Dimitrova.

Notevoli gli ascolti per la diretta mondiale in streaming su Radio Medua, la radio ufficiale del Premio Mia Martini. La diretta è stata condotta abilmente dalla pirotecnica Uragano Mary, l’elegante Carmen Novaldi e la dolce Maria Giovanna Labruna, mentre le registrazioni andranno in differita prossimamente su LA C, canale 19 del digitale terrestre e su altre emittenti.

Insomma un’edizione di grande livello grazie alla qualità delle interpreti, degli ospiti, dell’organizzazione e alla calorosa partecipazione del pubblico. Un evento che sta crescendo anno dopo anno, un prestigioso appuntamento con la Buona Musica Italiana.

Premio Mia Martini 2016

Nuove proposte per l’Europa

Primo posto: Rosmy

Secondo posto: Angela Setaro

Terzo posto: Lubov Dimitrova

Una Voce per Mimì

Jasmine La Ferla

Sezione Etnosong 2016

Premio Etnosong

Marinella Rodà

Premio della Critica

Popul’Aria

Ulteriori riconoscimenti

Premio Bigazzi

Eliseo Palmisano

Premio della Critica

Noemi Bruno

Radio Euronics Bruno

Rosmy

New Music Image

Lubov Dimitrova

Premio Cortesia

Gloria Zaccaria

Premio AFI

Angela Setaro

Premio Interpretazione

Lucia Minutello

.

Credit Photo Enzo Laurendi

Immagine 1 di 9
  • PREMIO MIA MARTINI 2016|Grande successo e tanta buona musicaRosmy con il Patron Nino Romeo e Veronica Maya
  • Angela Setaro 2° classificata
  • Lubov Dimitrova 3° classificata
  • Jasmine La Ferla vincitrice di Una Voce per Mimì
  • Marinella Rodà vincitrice Etno Song
  • Le giovani finaliste di Una voce per Mimì
  • Un momento corale delle giovani finaliste di Una voce per Mimì
  • I finalisti delle Nuove proposte per l’Europa
  • Rosmy con il Patron Nino Romeo e Franco Fasano
Immagine 1 di 9