David Gilmour in concerto a Pompei il 7 e 8 luglio

Pubblicato il 17 marzo 2016 11.00 | Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2016 11.00

 
David Gilmour canterà al Circo Massimo: ecco le date

David Gilmour il 7 e 8 luglio a Pompei. “Accordo raggiunto. Dopo 45 anni David #Gilmour tornerà a suonare a #Pompei il 7 e l’8 luglio #PinkFloyd #LiveAtPompeii”. Ad annunciare le performance del leggendario chitarrista dei Pink Floyd è il ministro di Beni culturali e Turismo, Dario Franceschini, su Twitter. Una notizia non scontata, soprattutto per via della location scelta. David Gilmour, CBE è un cantautore, polistrumentista, compositore e produttore discografico britannico, chitarrista e cantante dello storico gruppo inglese Pink Floyd, con cui è diventato uno dei più influenti e celebri chitarristi del rock. Oggi però il cantante dagli occhi di ghiaccio e ha intrapreso la carriera da solista. Rattle That Lock è il quarto album in studio dell’artista, pubblicato il 18 settembre 2015 dalla Columbia Records. Nel corso di un’intervista con il settimanale Panorama, alla domanda “Dia un voto alla sua vita”, ha risposto:

“Dieci e lode. Certo, ci sono aspetti ineluttabili della condizione umana: nessuno è esente da dolori, lutti e ansie. Detto questo, la mia vita è stata ed è un viaggio straordinario nella gioia. Per ragioni professionali e umane, e lo dico qui, a due passi dalla donna della mia vita.

Che cosa le ha regalato essere una leggenda vivente della musica contemporanea?
La più assoluta autodeterminazione: vivo assecondando i miei desideri. Quelli artistici prendono forma in in luogo chiamato Astoria, una casa galleggiante del 1911 sul Tamigi. L’ho acquistata
e trasformata in studio di registrazione. Se mi viene un’idea anche nel cuore della notte ci vado, accendo le luci e mi perdo nella bellezza del suono. La canzone è il mezzo espressivo più libero e autentico del mondo. Posso ispirarmi a un quadro, a una donna, a un colore, a un fatto di cronaca. Siamo soli: io e la mia fantasia. Nessun capufficio, nessun orario, nessuna burocrazia. Credo sia il privilegio più grande”.