Claudio Baglioni, quando la censura colpì “Piccolo grande amore”