Berliner Philarmoniker in concerto a Firenze e Parma

Pubblicato il 29 giugno 2016 15.37 | Ultimo aggiornamento: 29 giugno 2016 15.37

Tags:

 
Berliner Philarmoniker in concerto a Firenze e Parma

I Berliner Philharmoniker, l’orchestra più famosa al mondo guidata da maestri celeberrimi come Wilhelm Furtwrangler, Herbert von Karajan e Claudio Abbado, dedicano due tappe del tour europeo all’Italia: domani al Nuovo Teatro dell’Opera di Firenze (ore 20), venerdì alle 21.30 suonerà per la prima volta a Parma sul palcoscenico del grande teatro all’aperto di ParmaEstate, nel Cortile della Pilotta.

Sul podio uno dei direttori della nuova generazione tra i più richiesti dai complessi sinfonici internazionali, il canadese Yannick Nézet-Séguin, recentemente nominato direttore musicale della Metropolitan Opera House di New York. Il programma, uguale per le due sere, sarà interamente dedicato alla musica boema, con le composizioni dei due musicisti simbolo di questa terra: Bedrich Smetana, con il poema sinfonico “La Moldava” dal ciclo “La mia patria”, e Antonin Dvorak con la Serenata per archi in Mi maggiore, op. 22 e la Sinfonia n.6 in Re maggiore, op.60.

Il concerto parmigiano, organizzato dal Teatro Regio, costituisce un momento di grande prestigio e di rilancio per la Fondazione emiliana, già impegnata nei preparativi per il prossimo Festival Verdi che in ottobre proporrà, tra tantissimi appuntamenti, due attesi allestimenti del “Don Carlo” e della “Giovanna D’Arco”. Nell’ambito dell’attenzione che il Teatro Regio rivolge al pubblico dei più giovani, la mattina dell’1 luglio i Berliner Philharmoniker incontreranno i bambini di Giocampus, con i quali saranno impegnati in laboratori per far vivere ai più piccoli la gioia dell’ascolto alla scoperta della musica.

Come si legge su Repubblica.it:

(…) l’orchestra dei Berliner è considerata la migliore al mondo. Visto che è sempre difficile fare graduatorie di merito, diciamo almeno che è la più famosa con quella dei Wiener Philharmoniker.
La selezione per entrare in questo gruppo è durissima e soltanto i fuoriclasse riescono a superarla. Il suono dell’orchestra è unico, come unica è la sua sede: la bellissima Philharmonie, progettata da Hans Scharoun e costruita nel 1963, dove i musicisti sono collocati al centro di un pentagono, circondati dal pubblico (…).