Amici, Sergio Sylvestre, al via Big Boy live tour

Pubblicato il 29 luglio 2016 08.58 | Ultimo aggiornamento: 29 luglio 2016 16.12

Tags: ,

 
Amici, Sergio Sylvestre, al via Big Boy live tour

R OMA – Amici, Sergio Sylvestre, al via Big Boy live tour. Dopo la vittoria ad Amici 15 e la pubblicazione dell’EP d’esordio “Big Boy” (Sony Music), disco d’oro sia come EP che come singolo, Sergio Sylvestre annuncia le prime date della sua tournée che prenderà il via il 25 ottobre da Milano. Sergio presenterà dal vivo i brani inediti del suo disco come “Big Boy” e il nuovo singolo “Ashes”; in scaletta spazio anche ad alcune delle cover interpretate sul palco del talent di Canale 5 e contenute nel disco, da “Hello” di Adele a “Say Something” di A Great Big World, da “Take Me To Church” di Hozier a “Cheating” di John Newman. Queste le prime date del “Big Boy Live Tour”: 25 ottobre Milano, 28 ottobre Udine, 29 ottobre Roncade (Treviso), 5 novembre Bari, 6 novembre Lecce, 10 novembre Roma, 11 novembre Napoli, 17 novembre Venaria Reale (Torino), 19 novembre Collesalvetti (Livorno), 26 novembre Parma.

Sergio Sylvestre è americano, ma viveva a Lecce. Come ci è finito in Puglia dagli Stati Uniti? Una volta ha raccontato:

“Vivevo a Los Angeles dove sin da piccolo cantavo, sia in chiesa sia a scuola. Poi a 12 anni ho cominciato a giocare a football americano. Un incidente al ginocchio mi ha costretto a smettere. Sono stato malissimo e i miei genitori, vedendomi così giù di morale, mi hanno incoraggiato a fare un viaggio. Avevo sentito tanto parlare dell’Italia, sia da un mio zio che era venuto tante volte, sia a scuola. Così ho deciso di arrivare qui e ho scelto Lecce perché ne avevo letto molto bene sul Web”.

Già cantavi? “Ero un semplice turista e finita la vacanza sono rientrato in America per studiare Economia all’università. Ma poiché volevo tornare ho cominciato anche a fare vari lavori, come il body guard, per mettere da parte i soldi. Sono quindi riapprodato in Puglia, a Gallipoli, e ho deciso che volevo rimanere. Un giorno ero in un locale, il Samsara, e cantavo tra me e me una canzone di Britney Spears. Un vocalist mi ha sentito e mi ha dato un microfono incoraggiandomi a cantare ancora. Sono piaciuto anche al proprietario del locale. Dovevo però tornare in America dove ho deciso di prendere lezioni di canto. Di nuovo in Italia ho cominciato a esibirmi con artisti salentini come i Sud Sound System. (…) Ma i miei amici mi hanno convinto a partecipare alle selezioni di Amici. Quando ho saputo di essere stato preso è stato davvero il momento più bello della mia vita, perché sapevo quanto fosse difficile ed era la realizzazione di un sogno”.