Scostumista: Fair Isle maglieria senza tempo

Pubblicato il 21 dicembre 2015 10.24 | Ultimo aggiornamento: 21 dicembre 2015 10.24

Tags:

Di Annapaola Brancia D'Apricena
 
Scostumista: Fair Isle maglieria senza tempo

R OMA – Scostumista: Fair Isle maglieria senza tempo. “Far far away…in una piccola isola bagnata da un freddo mare…”, potrebbe sembrare l’inizio di favola per ragazzi, invece è la storia a suo modo fantastica di Mati Ventrillon.

Mati Ventrillon è una designer franco-venezuelana che da otto anni vive  nell’angolo sud-occidentale di Fair Isle. Fair Isle si trova al largo della costa nord-orientale della Scozia, a metà strada tra le Shetland e le Orcadi. Con solo 55 abitanti e circa 7,68 Km quadrati di estensione, è l’isola abitata più remota del Regno Unito.

Mati lavora a maglia e vende maglioni su misura seguendo la lunga tradizione tramandata da generazioni su quest’isola. Sembra una favola antica, perchè Mati alleva il suo gregge e quando in estate arriva il momento della tosatura, la lana viene mandata sulla terra ferma per essere lavorata, qui è dal 1800 che viene tinta e filata in bobine da filatori esperti per poi essere rispedita a Fair Isle. (Nell’800 le donne lavoravano questi maglioni per tenere caldi i loro uomini, marinai che viaggiavano tra l’Euriopa e l’America.) Con l’arrivo delle balle di lana colorate, Mati si mette al lavoro per assecondare le sempre più ingenti richieste e sfoltire la liste d’attesa lunghe anche 18 mesi. Infatti i maglioni Fair Isle sono richiestissimi, complice anche l’ultima collezione di Chanel Métiers d’Art 2016 Parigi-Roma, dove hanno sfilato molti modelli in maglia, con i classici motivi dell’isola.

Grazie anche alla polemica scatenata su Facebook dalla designer stessa, che dopo aver visto l’estate scorsa una delegazione composta da due rappresentanti di Chanel recarsi al suo laboratorio e acquistare dei campioni, si augurava almeno che la Maison la citasse nei credits. Subito le scuse tempestive del brand francese a cui è seguita  un’impennata di richieste, tant’è che la Ventrillon ha dovuto chiudere le prenotazioni. Per produrre ogni maglione ci vuole circa un mese, si possono scegliere le fantasie, i colori (di solito da 2 a un massimo di 5), i bottoni e il modello, si mandano le misure precise e, ad una cifra che oscilla tra i 650/700 euro, ti arriva il tuo personalissimo golf.

Già negli anni ’20, quando l’allora Principe Edward, stilosissimo Duca di Windsor, si fa ritrarre con camicia bianca, cravatta nera, maglione Fair Isle e coppola sul capo, la maglieria dell’isola spopola e diventa subito  un must have. E’ passato un secolo, e Karl Lagerfeld fa la sua uscita alla fine della sfilata Métiers d’Art 2016, facendosi accompagnare da tre modelli e due bambini, in camicia bianca, coppola in testa e maglioni Fair Isle.

Lo stile anglosassone non ha tempo. La favola è infinita.

Immagine 1 di 10
  • Scostumista: Fair Isle maglieria senza tempoFair Isle
  • Fasi della lavorazione
  • Fair Isle
  • Fair Isle
  • Craft is Great
  • Edward Duke of Windsor
  • The Fair Isle Jumper by Stanley Cursiter 1923
  • Chanel
  • Chanel

Immagine 1 di 10