Kristen Stewart testimonial di Chanel Make Up FOTO

Pubblicato il 5 febbraio 2016 14.16 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2016 14.16

Tags:

 

Kristen Stewart testimonial di Chanel Make Up. L’attrice americana è il nuovo volto della campagna Eyes Collection di Chanel Make Up, realizzata da Mario Testino, in uscita il prossimo marzo e in Italia a giugno. Con la sua bellezza moderna e il suo spirito libero, rappresenterà le sfaccettature della donna Chanel in una serie di ritratti. L’attrice è già stata volto della Métiers d’art collection Paris-Dallas 2013/14 e della campagna pubblicitaria della Métiers d’art collection Paris in Rome 2015/16 che verrà svelata a maggio. È stata inoltre protagonista del corto Once and Forever, diretto da Karl Lagerfeld e presentato lo scorso dicembre a Roma, durante il fashion show.

Tra i film che hanno reso famosa Kristen: Panic Room (2002), Into the Wild (2007), the Twilight series (dal 2008), Adventureland (2009), Clouds of Sils Maria (2014) e Still Alice (2015). Quest’anno la vedremo in Personal Shopper di Olivier Assayas e nel prossimo film sulla guerra in Iraq diretto da Woody Allen e dal regista premio Oscar Ang Lee, ancora senza titolo.

Kristen Stewart è nata il 9 aprile 1990 (età 25) a Los Angeles, in California. Ha raggiunto la fama mondiale per aver recitato nei panni di Bella Swan nel film Twilight, tratto dal primo omonimo romanzo della scrittrice americana Stephenie Meyer. L’attrice interpreta il ruolo di un’umana che s’innamora del vampiro Edward Cullen, interpretato da Robert Pattinson. Quanto alla vita privata della di Kristen, più volte si è parlato di una sua presunta omosessualità. A proposito della necessità di fare coming out per definire il suo orientamento sessuale, Kristen ha spiegato:

“Se senti di voler definire te stesso e hai l’abilità di articolare certi parametri in cui definirti, allora fallo. Ma io sono un’attrice e vivo nell’ambiguità di questo mestiere e mi piace così. Non sento che un mio coming out possa essere vero. No, io faccio il mio mestiere. Fino a quando non decido di fondare un’associazione o nel caso in cui abbia delle prospettive o opinioni che gli altri dovrebbero conoscere, non lo farò. Sono solo una ragazza che fa cinema”.