Facebook, nuova bufala: il post a cui credono tutti