Torta di pane con mele e cannella profumata al mandarino

Pubblicato il 17 novembre 2015 05.00 | Ultimo aggiornamento: 17 novembre 2015 00.07

Tags: ,

di Redazione Ladyblitz
 
Torta di pane con mele e cannella profumata al mandarino

R oma – Torta di pane con mele e cannella profumata al mandarino.

Con il gruppo Facebook “Quelli che non solo dolci” oggi presentiamo un dolce perfetto per riciclare il pane avanzato, una prelibata Torta di pane con mele e cannella profumata al mandarino proposta da Irene Leoni.

Un dolce assolutamente da provare!

Tempo di realizzazione.
1 ora.

Ingredienti (stampo da 22 cm).
300 gr di mollica di pane raffermo.
500 gr di latte.
100 gr di zucchero semolato.
20 gr di grappa o qualsiasi altro liquore che si sposi bene con le mele (ad esempio il rum scuro).
100 gr di farina 00.
2 mele (purché siano farinose, le renette sono perfette).
La scorza di un mandarino non trattato.
1 uovo.
100 gr di burro a pezzetti a temperatura ambiente.
1 cucchiaio di zucchero di canna.
Pan grattato q.b.

Procedimento.
Preriscaldare il forno a 180°C, imburrare una teglia diametro 22 con un tocchetto del burro totale della ricetta, spolverare poi con il pangrattato.

Tagliare la mollica a pezzi e metterla a bagno nel latte per una ventina di minuti.
Tagliare le mele a fettine sottili, metterle in una ciotola con una spruzzata di limone, lo zucchero di canna e un cucchiaio del liquore scelto.
Strizzare la mollica e aggiungere l’uovo e lo zucchero.

Mescolare con un cucchiaio di legno, quindi aggiungere il liquore, il burro ammorbidito e la scorza di mandarino. Amalgamare bene il composto aggiungendo infine la farina e la cannella (non serve setacciare).
Mettere metá composto nello stampo, disporre a raggiera le fettine di mela e ricoprire con il restante impasto.
Infornare per circa un’ora o comunque fino a che la superficie non diventa dorata.
Volendo si possono aggiungere gocce di cioccolato, uvetta o frutta secca, o magari usare un altro tipo di frutta al posto delle mele, ad esempio le pere.

Ottima mangiata tiepida con una pallina di gelato alla vaniglia ma anche fredda é squisita.

Per saperne di più sul gruppo “Quelli che non solo dolci” clicca qui.

Se vuoi diventare anche tu un membro del gruppo clicca qui.

Chi è Irene Leoni.

Ho 29 anni e da 5 lavoro come pasticcera. Ho seguito un corso professionale e il mio maestro è stato Giuseppe Amato, il capo pasticcere della Pergola di Heinz Beck.
Ho lavorato in un agriturismo, in due bar, in un ristorante enoteca al centro di Roma e in una dolceria artigianale.
Il mio dolce preferito è la classicissima crostata alle albicocche.

Torta di pane con mele e cannella profumata al mandarino

Irene Leoni