Speciale Natale: Pane alle Noci

Pubblicato il 5 dicembre 2015 05.00 | Ultimo aggiornamento: 4 dicembre 2015 21.00

Tags: , ,

di redazione Ladyblitz
 
Se poi il pane è caldo, a lievitazione naturale, fatto in casa e magari arricchito da sapori antichi come le noci, il gioco è fatto!!!

R oma – Speciale Natale: Pane alle Noci.

Periodo di Natale, periodo di cose buone, di tavole imbandite a festa, di cibo che ti fa sentire a casa…. E niente più del pane ha questo effetto.
Se poi il pane è caldo, a lievitazione naturale, fatto in casa e magari arricchito da sapori antichi come le noci, il gioco è fatto!!!
Ed è proprio il Pane alle Noci la ricetta che vi proponiamo oggi insieme a Tiziana Gabrielli del gruppo Facebook  “Quelli che non solo dolci”.

con prefermento di pasta madre.

Tempo di realizzazione.
1 ora + lievitazione = circa 6 ore.
per il prefermento = circa 12 ore

Ingredienti per 2 filoni da 750 g (cotti).
300 g di farina multicereali.
350 g di farina tipo 1.
350 g di farina tipo 0.
650 g di acqua.
4/5 noci, solo i gherigli.
15 g di sale.
1 cucchiaino di malto.

per il prefermento.
30 g di pasta madre solida rinfrescata.
100 g di farina tipo 1.
100 g di acqua.

Procedimento.
La sera prima dell’impasto preparo il prefermento, sciolgo la pasta madre nell’acqua e aggiungo la farina mescolando velocemente per far amalgamare gli ingredienti; copro con pellicola e lascio fermentare per almeno 12 ore, il prefermento è pronto quando vedremo che comincia a collassare verso il centro.
La mattina dopo metto nella ciotola della planetaria le farina con i 2/3 dell’acqua totale e lascio in autolisi per circa una mezz’ora; nel frattempo unisco la restante acqua al prefermento e aggiungo il cucchiaino di malto, mescolo bene facendo in modo che sia tutto amalgamato.
Avvio la planetaria e unisco gradualmente l’acqua alle farine, quando vedo che l’impasto comincia a incordare aggiungo il sale. Lascio impastare finchè la massa è ben incordata e risulta omogenea, deve essere attaccata al gancio e lasciar le pareti della planetaria pulite; ora inserisco i gherigli delle noci e li faccio inglobare bene alla massa. A questo punto rovescio la massa su un piano infarinato e attendo un 10 minuti che si rilassa; ora comincio con le pieghe a tre, ne faremo 2 una ogni 20 minuti.

Dopo l’ultima piega pirlo per bene e metto la massa in ciotola a maturare coperta da pellicola, ci vorranno circa 3 ore.

Passato questo tempo, l’impasto deve essere più che raddoppiato, divido la massa in 2 pezzi e formo i filoncini che metterò a riposare in un panno spolverato con abbondante semola, con la chiusura verso l’alto, e poi in un cestino da lievitazione.

Ora non ci resta che attendere il raddoppio che avverrà in circa 2 ore, dipende dalla temperatura e umidità che avete in casa, consiglio: la lievitazione deve avvenire intorno ai 26 gradi quindi può essere utile mettere i cestini nel forno con solo la lucetta accesa.
Una volta raddoppiati cuocio i miei pani in questo modo: porto il forno a una temperatura di 250°C (il massimo per i forni casalinghi) poggiando sul fondo un recipiente con acqua e sopra a scaldare la teglia nella quale cuocerò i miei pani.

Appena raggiunta la temperatura spolvero la teglia di semola e ci rovescio sopra i pani (la chiusura a questo punto a sotto), velocemente faccio i tagli con una lametta e metto in forno; appena dentro porto la temperatura a 220°C per 15 minuti, poi abbasso a 200°C per altri 15 minuti e tolgo il pentolino con l’acqua, infine abbasso a 180°C e porto a fine cottura ( in tutto ci vorranno 50/55 minuti) avendo cura negli ultimi 15/20 minuti di tenere il forno a spiffero in modo da ottenere una bella crosta croccante.
Una volta cotto metto a raffreddare in verticale e quando è bello freddato mi gusto una fetta del mio profumatissimo pane.

Per saperne di più sul gruppo “Quelli che non solo dolci” clicca qui.

Se vuoi diventare anche tu un membro del gruppo clicca qui.

Chi è Tiziana Gabrielli.

Appassionata alla cucina fin da bambina, ho coltivato con gli anni questa passione. L’incontro con il lievito madre è stato amore a prima vista, mi ha aperto al mondo dei lievitati. Continuo a coltivare questa passione a livello amatoriale studiando e seguendo corsi.

Se poi il pane è caldo, a lievitazione naturale, fatto in casa e magari arricchito da sapori antichi come le noci, il gioco è fatto!!!

Tiziana Gabrielli