Risotto ai Cardoncelli Murgiani e Pancetta

Pubblicato il 7 novembre 2016 06.30 | Ultimo aggiornamento: 6 novembre 2016 23.40

Tags: , , , ,

 
Risotto ai Cardoncelli Murgiani e Pancetta

R oma – Risotto ai Cardoncelli Murgiani e Pancetta.

Giuseppe Salvagione ci presenta un delizioso risotto dai sentori autunnali e di forte richiamo pugliese…

Anche quest’anno si è aperta la stagione della raccolta dei funghi cardoncelli murgiani quale miglior periodo per utilizzarli in cucina in ogni modo. Oggi vi presento un classico risotto ai funghi che ho solo voluto arricchire con un tocco di buona pancetta tostata che non fa altro che creare un piacevole gioco di consistenze e di sapore. Un piccolo consiglio non lavate i funghi ma spazzolateli e poi cuoceteli per poco tempo altrimenti diventeranno insipidi e gommosi. Come sempre pochi ingredienti ma buoni e mi raccomando al brodo vegetale, no dado ma un buon brodo di verdure fresche, il gusto ne guadagnerà sicuramente.

Tempo di realizzazione.
40 minuti.

Difficoltà.
Facile.

Ingredienti per 4 persone.
320 g di riso carnaroli rustico semi integrale Gallo.
400 g di funghi cardoncelli murgiani.
1,5 l di brodo vegetale.
1 scalogno.
1 spicchio d’aglio.
1 foglia di alloro.
½ bicchiere di vino bianco.
Olio extravergine di oliva.
30 g di pancetta arrotolata a dadini.
3 cucchiai di parmigiano reggiano 36 mesi.
Prezzemolo fresco tritato fine.
Burro q.b.
Sale e pepe q.b.

Procedimento.
Spazzolare e pulire per bene i funghi evitando di lavarli, al massimo ripassarli con un panno umido.

Versare in una padella un generoso giro d’olio extravergine ed uno spicchio d’aglio schiacciato e lasciar imbiondire.

Aggiungere i funghi tagliati a fette ed una foglia di alloro e lasciar soffriggere il tutto per qualche minuto poi sfumare con un po’ di vino bianco.

Aggiustare di sale e pepe. Cuocere con coperchio per circa 5 minuti bagnando con del brodo vegetale se necessario. In una casseruola versare un goccio d’olio ed un cubetto di burro. Tritare finemente lo scalogno e lasciar imbiondire .

Aggiungere il riso e lasciar tostare per qualche minuto poi bagnare con qualche mestolo di brodo vegetale caldo avendo cura di avere il riso sempre coperto da liquido.

Questo riso cuoce generalmente in 18- 20 minuti, perciò dopo circa 15 minuti di cottura, aggiungere i funghi trifolati e portare a completamento con altro brodo.

In un padellino tostare a fuoco basso la pancetta a cubetti e poi sgocciolarla su di un foglio di carta assorbente.

Quando il riso è giunto a cottura, aggiungere i cubetti di pancetta tostata e poi mantecarlo lontano dal fuoco con un goccio d’olio extravergine (o del burro) e del parmigiano reggiano.

Completare con una generosa spolverata di prezzemolo fresco e del pepe creola.

.

In collaborazione con il Gruppo Facebook  “Quelli che non solo dolci”

Per saperne di più sul gruppo “Quelli che non solo dolci” clicca qui.

Se vuoi diventare anche tu un membro del gruppo clicca qui.

.

Chi è Giuseppe Salvagione.

Sono Giuseppe Salvagione, 46 anni pugliese e tecnico di laboratorio Medico attualmente responsabile di un laboratorio controllo qualità all’interno di un noto pastificio pugliese. La mia passione per la cucina e per il mondo del food mi accompagna quotidianamente anche nel mio lavoro e non solo, infatti nel tempo libero mi diletto ai fornelli per la mia famiglia e per gli amici. Nel 2011 ho voluto raccogliere e condividere le mie idee e i miei piatti all’interno di un mio blog personale “Peppeaifornelli” che oggi è cresciuto entrando a far parte della grande famiglia di Ifood. Non ho preferenze nelle mie preparazioni ma prediligo i prodotti del mio territorio cercando di elaborarli anche in chiave moderna. I primi piatti e i dolci sono un po’ la mia passione e cerco di proporre ricette affidabili, testate e facili da eseguire. Devo ammetterlo la cucina anche per me è una valvola di sfogo dove recuperare serenità e scaricare le tensioni della vita quotidiana. Il mio invito è quello di non sottovalutarsi mai, ma di mettersi alla prova perchè tutto è possibile, basta solo un po’ di buona volontà.

Potete trovare Giuseppe nel suo Blog Peppe ai Fornelli 

Giuseppe Salvagione

Giuseppe Salvagione

.

Link a Lady Kitchen